Cerca

Il futuro di Forza Italia

Parisi contro i colonnelli, Berlusconi ha un piano segreto

Parisi contro i colonnelli, Berlusconi ha un piano segreto

Sotto sotto, il piano di Silvio Berlusconi è quello di sempre: prendere tempo, non scontentare nessuno e, alla fine, restare in sella da leader incontrastato. Con un sogno nel cassetto, temporalmente sempre più vicino: che la Corte di Strasburgo accolga il suo ricorso contro la decadenza da senatore che di fatto lo ha tagliato fuori dalla politica attiva da quasi tre anni. 

Da Parisi a Toti a Brunetta - Verderami sul Corriere della Sera passa in rassegna le conversazioni che negli ultimi giorni il leader di Forza Italia starebbe avendo con i suoi più stretti collaboratori. A Stefano Parisi assicura sostegno incondizionato contro chi quelli che lo ostacolano "dato che pensano solo a se stessi, non hanno capito che c'è bisogno di rinnovamento" e che "non si può lasciare agli estremisti la guida della coalizione". A Giovanni Toti, uno dei malpancisti azzurri, riserva lo stesso trattamento: "Se vai a Pontida non c'è alcun problema, visto che con Salvini siamo d'accordo di scrivere insieme il programma di governo". E con  Renato Brunetta e Paolo Romani si sarebbe lamentato dello stesso Parisi, che "non sa tenere tutti uniti" e che non è riuscito a strappare a Renzi pezzi di establishment, "come invece aveva promesso".

"Forza Italia gli fa un po' schifo" - Proprio Romani, capogruppo azzurro al Senato, pare nelle ultime ore essere il più duro contro Parisi, alla vigilia della convention che dovrebbe rilanciare i moderati del centrodestra: "Provi a portare valore aggiunto con la sua iniziativa, se ci riesce, invece di pensare ancora a fare un'Ops sul nostro partito. Ci occuperemo noi di rilanciare Forza Italia, che a Parisi peraltro fa un po' schifo". In questo gioco della parti, l'unico a cercare di evitare l'esplosione è proprio Berlusconi, ancora una volta più attore e regista che padre nobile. E una frase che secondo Verderami sarebbe sfuggita al Cav dovrebbe mettere sull'attenti l'ex candidato sindaco di Milano: "Aspettiamo di vedere cosa farà Parisi. Se riuscirà bene, avremo creato un personaggio. Altrimenti ne cercheremo un altro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    17 Settembre 2016 - 15:03

    Ne cercheremo un altro? Prima era Bertolaso, poi dopo il flop di Bertolaso Marchini, dopo il flop di Marchini Parisi...e dopo il flop di Parisi chi arriva?

    Report

    Rispondi

  • sipa1932

    17 Settembre 2016 - 12:12

    5 commenti di 5 deficenti, iltrota,bimbonet,Anna 17,wilegio Carluccio Luciano, e il 6/sto il piu cretino di tutti Campus.

    Report

    Rispondi

    • iltrota

      25 Settembre 2016 - 22:10

      Scusa, sipa1932: ho dimenticato di inserirti nel listone di "gente inutile e dannosa"!!! Eccoti servito, bananas!!!! Davvero credi ancora alla Befana (forse la Gelmini le somiglia ...) e in Pirlusconi? Cresci, giovane bananas decerebrato....

      Report

      Rispondi

  • iltrota

    16 Settembre 2016 - 08:08

    Altrimenti detto: B. prende tempo perchè ancora crede di essere eterno...ma gli altri scalpitano / Toti, Romani, Brunetta....gente inutile e dannosa (Toti è in Liguria solo perchè la Lega lo ha votato) / Strasburgo ....inutile sogno onirico di un vecchio malandato e fuori di testa. Morale: bnanas allo sbaraglio e che non contano più un k@zz0!!

    Report

    Rispondi

    • sipa1932

      17 Settembre 2016 - 12:12

      vorrei chiedere ai detrattori di Berlusconi, l'Italia va meglio oggi dal 2011, o peggio????? dopo 6 anni di sinistra???

      Report

      Rispondi

      • iltrota

        25 Settembre 2016 - 22:10

        Vorrei chiedere a sipa1932: ma che k@zz0 ha mai fatto Berlu per migliorare l' Italia?!?! Bananas ..... continua così che rincintrullisci ancor di più!

        Report

        Rispondi

  • bimbonet

    15 Settembre 2016 - 18:06

    L'unico che può rifare il Centrodestra è Denis Verdini. Trattasi forse di una battuta, di una provocazione, ma in una politica politicamente scorretta si deve cercare il fine prescindendo dal mezzo. Intanto il Pd se lo sta coccolando, a prescindere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog