Cerca

La protesta

Donadi e Di Centa, ricorso alla Cassazione: "Palese errore del Viminale, il seggio è nostro"

Cinque "le poltrone" erroneamente date. Il candidato del Centro democratico e la deputata Pdl chiedono l'intervendto del Ministro dell'Interno

Donadi e Di Centa, ricorso alla Cassazione: "Palese errore del Viminale, il seggio è nostro"

I malcontenti post elezioni non finiscono mai. La protesta arriva da Massimo Donadi e Manuela Di Centa rispettivamente candidato del Centro democratico e deputata Pdl uscente. "C'è un palese errore da parte del Viminale nell'attribuzione di cinque seggi: ci sono cinque persone che non hanno titolo di entrare alla Camera e altri cinque che hanno diritto al seggio", afferma l'ex Idv Donadi che ha presentato un ricorso alla Cassazione e ha segnalato al ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri l'anomalia dovuta a suo avviso a "un errore del software, non certo intenzionale".

L'esclusa - Anche la Di Centa, ex campionessa di sci di fondo, si trova in accordo con il collega Donadi. La ex (?) deputata rende noto che attuerà un ricorso e una rimostranza contro l'"ingiusta esclusione" e prosegue: "Presidierò l'ufficio elettorale del Viminale per evidenziare che solo l'errata attuazione della legge mi vede al momento esclusa dal novero degli eletti in Parlamento. E' chiaro che non possiamo consentire alla burocrazia di determinare i risultati elettorali attraverso una chiara omissione nell'applicazione della norma".

Le poltrone - I cinque seggi incriminati riguarderebbero Walter Verini del Pd (candidato in Umbria), Roberto Capelli (Sardegna) del Centro democratico, Florian Kronbichler di Sel (Trentino), Roberto Marti (Puglia) e Paolo Vella (Sardegna) del Pdl. Al loro posto avrebbero diritto al seggio, oltre a Donadi in Umbria e Di Centa in Friuli, anche Gavino Manca (Sardegna, Pd), Arcangelo Sannicardo (Puglia, Sel) e Sabrina De Camillis (Molise, Pdl).

Chiarimenti - In un incontro con i giornalisti presso Montecitorio Donadi ha precisato che il ricorso è stato inoltrato dopo un'attenta verifica: "Abbiamo la certezza che vi sia stato un errore che riguarda le circoscrizioni, non le liste. La legge elettorale individua i seggi per successivi assestamenti ma sono state erroneamente individuate le circoscrizioni sulla base dei resti. Ho parlato con Cancellieri, mi ha manifestato la sua volontà di collaborare e mi ha assicurato che farà verificare dai tecnici del Ministero e se c'è l'errore in giornata lo renderà pubblico". Il candidato ha chiesto un'azione celere da parte del ministro "per permettere alla Cassazione di intervenire in queste ore".   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco gladiatore

    06 Marzo 2013 - 23:11

    Certe volte il caso aiuta la giustizia divina e rende pan per focaccia a coloro che stanno in paradiso a dispetto dei santi. Donadi, troppo tardiva la tua presa di distanza da Di Pietro. Sei rimasto un forcaiolo, senza poltrona... Vai a lavorare.

    Report

    Rispondi

  • vinfer

    06 Marzo 2013 - 14:02

    Manuela, come atleta l'ho sempre apprezzata per grinta e simpatia, come deputata......bè meglio che se ne stia a casa a farsi un burraco con Donadi e tanti altri. Visto che siete in buona compagnia con Di Pietro, Ingroia, Giannino, Fini, Bocchino e via dicendo. E anche qualcuno di SEL che pare un marchio di detersivo.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    06 Marzo 2013 - 14:02

    alla fine della fiera, urla e insulti contro il cav a parte, abbiamo scoperto che a te interessa solo la poltrona.... che fine miserevole hanno fatto i forcaioli e manettari dell'italia dei valori....a cominciare dal loro capo che, in quanto a valori, li aveva confusi con quelli immobiliari....

    Report

    Rispondi

  • alvit

    06 Marzo 2013 - 09:09

    Anche se sta fuori dalle sfere, non perdiamo nulla, caro donati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog