Cerca

La reazione

La rabbia di Malagò: "La sindaca Raggi doveva darci più attenzione"

La rabbia di Malagò: "La sindaca Raggi doveva darci più attenzione"

Gelo totale tra il presidente del Coni Giovanni Malagò e il sindaco di Roma Virginia Raggi. Uno scontro vede al centro le Olimpiadi a Roma del 2024. La Raggi aveva un incontro con Malagò per parlare proprio di questo, ma lei ha disertato l'appuntamento adducendolo a un "contrattempo" e ha spiegato le ragioni del suo "No" in una conferenza. Furiosa la reazione del Coni che in un'altra conferenza ha attaccato duramente il sindaco.

La reazione - "!Il sindaco di Roma avrebbe dovuto dedicare al mondo dello sport un pò più di attenzione e rispetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò in conferenza stampa, dopo il mancato incontro in Campidoglio con Virginia Raggi. "Ci hanno convocato alle 14.30 - racconta Malagò - e abbiamo scoperto che la sindaca aveva fissato una conferenza stampa per le 15.30. Per educazione e rispetto istituzionale siamo andati anche se un’ora per affrontare questi temi è un pò poco. Ci hanno fatto accomodare nel salottino del sindaco. C’era il suo portavoce. Intorno alle 14.50 ho chiesto notizie della sindaca, mi hanno detto che stava arrivando. Intorno alle 15 ci hanno detto che aveva un impegno istituzionale con Delrio. Ma la sindaca è uscita alle 13.15 dal ministero delle Infrastrutture. Alle 15.07 dopo 37 minuti, visto che 23 minuti dopo c’era la conferenza stampa, siamo andati via, pensando che se ci avesse voluto parlare ci avrebbe dovuto dedicare un pò più di attenzione e di rispetto".

Rischio sulla credibilità Secondo Malagò con il no alle Olimpiadi di Roma 2024 "viene meno la nostra credibilità internazionale". Il presidente del Coni ha spiegato che "ritirarsi ora dopo due anni, in cui abbiamo fatto promozione e
chiesto fiducia e sostegno in tutto il mondo, ci fa essere ben poco credibili. Dopo due anni diciamo al mondo ’abbiamo cambiato ideà. Sono tutte strumentalizzazioni, alibi". In ogni caso, ha spiegato, "noi andremo avanti fino a un atto formale, si dovranno assumere le loro responsabilità. Se daranno discontinuità amministrativa a un atto precedente si assumeranno le loro responsabilità. In ogni caso .- ha concluso - ribadisco, non presentino quella mozione copiata da wikipedia,
perchè wikipedia non è aggiornata". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    22 Settembre 2016 - 16:04

    Vai Sindaco di Roma. Roma non si vende per cinque cerchi olimpici che muovono solo lobby e poi il cittadino paga "il biglietto a vita" Prima la riscostruzione di una vera capitale d'Italia e poi una città per i suoi cittadini.

    Report

    Rispondi

  • albaval

    22 Settembre 2016 - 14:02

    Ha fatto bene la Raggi a non sottomettersi ai poteri forti. Brava

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    22 Settembre 2016 - 14:02

    Un elenco delle opere edili sportive incompiute a Roma,monumenti dello spreco del danaro pubblico nonché monumento sacro alla mazzetta e a tutti i loro devoti è più che sufficiente a spiegare il no alle olimpiadi e a tutti quei signori che già si stavano leccando i baffi

    Report

    Rispondi

  • GAlbert

    22 Settembre 2016 - 11:11

    Mala. . . . . . . . . . . go go go e go

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog