Cerca

Bocciato senza appello

Il sondaggio: contrario al governo Pd-M5S il 63% degli italiani

La rilevazione Piepoli boccia il piano di Bersani: l'accordo rifiutato dal 63% del campione. E solo il 5% vuole l'intesa democrat-Pdl

Il sondaggio: contrario al governo Pd-M5S il 63% degli italiani

Pier Luigi Bersani corre dietro Beppe Grillo. Il segretario, durante il suo intervento alla direzione nazionale, ha fatto un esplicito invito al leader a Cinque Stelle per ottenere un accordo programmatico. La proposta di Pier è basata su otto punti che in pratica sono il programma del Movimento di Grillo. Ma gli italiani sono d'accordo con un'ipotesi di governo Pd-M5S? Prova a dare una risposta un sondaggio dell'istituto Piepoli. Il risultato è una bocciatura sonora per i propositi di Bersani. Il 63 per cento del campione interpellato di Grillo e Bersani insieme non vuole saperne. Due italiani su tre in pratica dicono no al governo di "Bersanillo". Solo un 25 per cento accetta l'idea del patto dem-Cinque Stelle.

Perché non piace il "Bersanillo" - Chi non vuole un accordo tra democratici e Cinque Stelle ha le idee chiare. Alla domanda “per quale motivo non gradirebbe un ticket Bersani-Grillo” il 16 per cento risponde che sono “completamente diversi tra di loro”. Il 14 per cento ritiene che "comunque non sarebbe un governo in grado di durare a lungo: l’inciucio non vale l’impresa". Un 13 per cento, presumibilmente di elettori democratici, afferma che “Grillo non è la persona giusta per governare”. 

No governissimo - Dal sondaggio Piepoli anche un governissimo con Pd e Pdl alleati esce con le ossa rotte. Solo il 5 per cento degli intervistati gradisce l'ipotesi di un'alleanza tra azzurri e democratici per la guida del Paese. Il campione in pratica boccia la linea D'Alema emersa durante la direzione del Pd. "Baffino" ha infatti auspicato un governo con "il Pdl a patto che Berlusconi si faccia da parte". Gli elettori forse preferiscono sentir parlare di una netta sconfitta del Pd e non vogliono nessun "piano B". Gli otto punti di Bersani proposti a Grillo restano, almeno per il campione del sondaggio, una sorta di ripiego. Gli italiani preferiscono tornare alle urne. Il 13 per cento del campione vuole tornare alle urne. Se a questi si aggiunge anche quel 63 per cento che non vuole un esecutivo Grillo-Pd, si arriva al 76 per cento di "scontenti" del valzer attuale. L'unica strada forse può indicarla Napolitano. Il governo tecnico ormai appare la soluzione più immediata e probabile. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    21 Marzo 2013 - 10:10

    Quello che vi rifiutate di capire è che dalle urne è uscita un'Italia al 70% "antiberlusconiana". Silvietto vostro ormai non è "padrone" di un beato c....

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    21 Marzo 2013 - 10:10

    La maggioranza al Senato ve la sognate...Mi sa che non hai capito bene come funziona il porcellum. Il porcellum non garantisce la governabilità nemmeno se le coalizioni sono due (a meno che una vinca nettamante come nel 2008). Figuriamoci se le coalizioni sono tre...Svegliati...

    Report

    Rispondi

  • Sillyhound

    07 Marzo 2013 - 22:10

    .... metti che Bersani,mandato dal Presidente in Parlamento a cercarsi la fiducia (di Grillo), guarda un po', la fiducia la riceva invece a sorpresa dal PDL di Berlusconi.... Che farebbe? Potrebbe rifiutarla? E che succederebbe poi; quali leggi passerebbero con Bersani nel ruolo di "Sotto" e il cavaliere in quello di "Padrone"?

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    07 Marzo 2013 - 19:07

    Quindi, se ben capisco, il 95% degli italiani è contrario al "governissimo",cioè a quello che vorrebbe Silvio...Interessante...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog