Cerca

a Otto e mezzo

Deborah Serracchiani molla Renzi sul ponte: "Le priorità sono altre"

Deborah Serracchiani molla Renzi sul ponte: "Le priorità sono altre"

Troppo persino per alcuni tra i più fedelissimi. La presa di posizione di Matteo Renzi sul ponte sullo Stretto, è talmente simile a quella che per anni tenne Silvio Berlusconi, primo fautore della grande opera tra Sicilia e Calabria, da avere inevitabilmente un effetto deflagrante nel Pd. E nella puntata di stasera di "otto e mezzo" su La7, Deborah Serracchiani non è proprio riuscita a trattenersi. Alla domanda di Lilli Gruber su cosa pensasse del sì del premier al ponte, ha risposto lasciando poco spazio a mezze interpretazioni: "Ponte sullo Stretto? Io resto tutt’ora dell’idea che dobbiamo portare avanti altre priorità. Ma so che anche Renzi non pensa di iniziare a fare il ponte domani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ohmohm

    ohmohm

    29 Settembre 2016 - 12:12

    Ormai renzi è dappertutto su RTL sulla RAI su CANALE 5 .....ci sta martellando promettendo 14^ ,ponti sugli stretti, pensioni prima del tempo, bonus student, aumenti dei bonus bebè, 100.000 posti di lavor, nel 2018 aumento dle PIL ma purtroppo il giovinetto non sa che così facendo qualcuno che aveva intenzione di votare ''SI'' sta cambiando idea e voterà ''NO secco''. Il rottamatore .....pazzesco

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    29 Settembre 2016 - 09:09

    "Ma so che anche Renzi non pensa di iniziare a fare il ponte domani". Brava, Serracchiani, lei è intelligente. Lo sapevamo anche noi, comunque. Ma la sua (mezza) sconfessione dovrebbe preoccupare il premier: lei è una di quelle leste a saltar sul carro buono e altrettanto leste a capire quando la barca comincia a far acqua...Ahahah.

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    28 Settembre 2016 - 21:09

    ormai non ci crede più nessuno,persino i suoi più accaniti lecchini lo snobbano.deve essere un brutto colpo per il suo orgoglio di grande capo.

    Report

    Rispondi

blog