Cerca

Fatta a fettine

Insulti per Rosy Bindi. De Luca: "Giù la testa, e...". Sgarbi: "Devi ridurti così"

Rosy Bindi

Una giornata da incubo, per Rosy Bindi. La presidente della Commissione antimafia, infatti, ha dovuto digerire il durissimo attacco di Vincenzo De Luca, governatore della Campania, fresco di assoluzione nella vicenda del Sea Park "perché il fatto non sussiste". Dopo il verdetto sul parco marino di Salerno mai realizzato, De Luca punta il dito contro la Bindi, che alla vigilia delle elezioni regionali dello scorso anno inserì il suo nome tra quello dei candidati impresentabili. "Esprimo piena soddisfazione e rispetto per la magistratura. Era questa la vicenda per cui una avventurosa parlamentare ci aveva presentato come impresentabili. Oggi ci presentiamo a testa alta", la ha infilzata.

Uno sfogo più che comprensibile, quello del governatore contro il quale Rosy fece una vera e propria crociata. Un attacco, quello della Bindi, che ai tempi De Luca definì "infame ed eversivo". Per De Luca, l'iniziativa della Bindi aveva "danneggiato in maniera pesante e consapevole il Pd a 24 ore da un voto importanti". Considerate queste premesse, insomma, è difficile non comprendere le ragioni del governatore.

Ma per la Bindi, non è tutto. Già, perché nel giorno in cui in televisione, per le celebrazioni degli 80 anni di Silvio Berlusconi, continuava ad imbattersi nel famoso video del "più bella che intelligente", anche Vittorio Sgarbi ha pensato bene di infierire. Nel corso di un convegno su Giotto (nel quale ha dato spettacolo), per oscuri motivi è tornata d'attualità la recente polemica sul burkini. E il critico d'arte ha spiazzato tutti affermando che "il burkini non deve essere vietato". Perché? "Così quando la Bindi va in spiaggia può indossarla e io non la vedo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    18 Novembre 2016 - 10:10

    Ci vuole il vento in chiesa,ma non da spegnere le candele. De Luca poteva dire che la Bindi ha sbagliato,ma nel dire che ucciderla ce ne passa. Ma con la magistratura odierna,certe persone,possono dire quello che vogliono.

    Report

    Rispondi

  • bozzicolonna

    01 Ottobre 2016 - 14:02

    dio non le ha regalato un bell'aspetto.. e dato che dovrebbe essere credente questa dovrebbe essere la sua croce da portare con umiltà e rispetto.. invece è sempre che rompe i coglioni la vecchiarda! e noi non possiamo fare altro che aspettare che muoia.. purtroppo questi scansafatiche (tutti quelli lì) ci mettono anni ed anni a morire; d'altronde è a lavorare che si fa fatica e si muore prima

    Report

    Rispondi

  • akapana

    akapana

    30 Settembre 2016 - 23:11

    È proprio vero che il tempo è galantuomo. Con l'assoluzione di Bertolaso e De Luca viene confermata l'opinione espressa da Berlusconi sulla Bindi. "Pìù bella che intelligente". La capofila dei comunisti travestiti da democratici che in questi anni hanno vomitato contro Berlusconi ed il suo governo tutto il lerciume che alberga nelle loro menti corrotte.

    Report

    Rispondi

  • marystip

    30 Settembre 2016 - 19:07

    Ripeto, l'unica cosa buona di Renzi è quella di aver messo all'angolo gentaccia come la Bindi, Dalema e la vecchia ditta vetero comunista.

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      01 Ottobre 2016 - 00:12

      E' sempre successo che l'erba cattiva scaccia quella buona, marystip. Così, la nuova ditta neocomunista scaccia la vecchia ditta veterocomunista...e l'Italia affonda sempre più nella palta. E c'è pure chi è contento (beato lui, o lei). Ahahah.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog