Cerca

Capriccio?

Svelato il segreto di Romano Prodi: la soffiata disintegra Matteo Renzi, verso il "no" al referendum

Romano Prodi fa i capricci: no a domande sul referendum (perché ha un segreto)

A rivelarci un segretuccio, o presunto tale, di Romano Prodi ci pensa Dagospia. L'ex premier - e questo è un dato di fatto - rifiuta di rilasciare dichiarazioni sul referendum a giornali, quotidiani e televisioni. Si fa vivo spesso, anzi spessissimo, ma parla soltanto di economia, banche, Europa, Libia, euro ed immigrazione. Il motivo di questo silenzio? Presto detto: lui e la sua famiglia avrebbero deciso di votare No, ma per motivi di opportunità il Mortadella non si vuole sbilanciare. Reale convinzione o una vendetta per i "101" armati da Renzi che lo impallinarono nella corsa al Quirinale? Infine, aggiunge sempre Dago: "Pare anche che Renzi lo stia tormentando per schierarlo a favore del sì ma che lui sia irremovibile. Per questo accetta interviste ma solo a patto di non ricevere domande sul tema".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • salvio53

    07 Ottobre 2016 - 08:08

    il problema è che continuate ad intervistarlo ed a parlare di lui l'artefice di tutti i nostri guai, boiardo di stato inviato solo per chiudere aziende ha fatto il botto finale con l'azienda Italia portandoci in Europa, ma lasciatelo nella dimenticanza che è meglio

    Report

    Rispondi

    • alieno

      08 Ottobre 2016 - 08:08

      Purtroppo fa parte di uno dei circoli eco/finanziari che governano il mondo, di chiama Bilderberg, per cui se ne infischia dell' Italia e degli italiani, nuove pedine dove conta. Come per mille altri, solo la morte ci libererà di questi individui, che purtroppo però saranno immediatamente sostituiti.

      Report

      Rispondi

  • albertoperutelli

    07 Ottobre 2016 - 08:08

    Troveremo, faremo, provvederemo, impediremo, aumenteremo: Renzi è tutto al futuro. Speriamo però di non trovarci di nuovo insieme a Prodi, D'Alema, Casini, Fini, Napolitano, De Mita, Amato ecc. Quando si parla di rivoluzione è bene che rivoluzione sia : TUTTI A CASA.

    Report

    Rispondi

blog