Cerca

Il tempo della vendetta

Marino, l'accusa devastante a Renzi: "Cos'ha fatto. E cosa farò io adesso"

Ignazio Marino

Abusi, scontrini, spese pazze: niente di tutto ciò, Ignazio Marino è stato assolto. Cadono tutte le accuse. Per il tribunale "il fatto non sussiste". E se l'ex sindaco di Roma si gode la rivincita, chi si preoccupa è Matteo Renzi: l'assoluzione, infatti, si è rapidissimamente trasformata in un nuovo guaio per quel premier che di fatto scaricò l'ex primo cittadino capitolino.

Non a caso, in un'intervista a Repubblica, Marino picchia duro proprio su Renzi. "Non ho davvero nulla da dire a Renzi - premette -. Solo che sono sbigottito, come tutti i romani, per quello che è accaduto a Roma. La cosa peggiore che può capitare a una città è che qualcuno ne determini l'instabilità. E purtroppo Roma dall'estate del 2015 vive in una grande instabilità amministrativa", dietro alla quale, questo il sottotesto, ci sarebbe la mano di Renzi, il premier che "non mi ha chiamato" dopo l'assoluzione.

Ma i guai, per il premier, non terminano qui. Marino, infatti, vuole gustarsi a fondo la sua vendetta. Ed è in questo contesto e con queste motivazioni che l'ex sindaco potrebbe tornare subito ad impegnarsi in politica, fianco a fianco con Massimo D'Alema (uno tra i primissimi a telefonargli dopo l'assoluzione) nella campagna per il "no" al referendum. Ogni iniziativa del sindaco, infatti, ora è legata alla campagna anti-referendaria. Un nuovo nemico per il premier, dunque. E infine, l'ultima idea del "Marziano": potrebbe anche chiedere i danni al Pd, un partito sul quale ha promesso già mesi fa di rivelare "retroscena scottanti" relativi a ciò che accadde a Roma. Altre nubi dense si addensano sopra Palazzo Chigi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    09 Ottobre 2016 - 14:02

    Faccia pure l'accordo col vinaio Dalema. Cosi`lui e la sua consorte potranno continuare a bere di quello buono senza gravare sul bilancio del Comune.

    Report

    Rispondi

  • Delta16

    Delta16

    09 Ottobre 2016 - 13:01

    Anche se assolto come sindaco è stato un fallimento per questo meglio non rivederlo.

    Report

    Rispondi

  • akapana

    akapana

    09 Ottobre 2016 - 00:12

    La Pittsbugh University l'aveva licenziato in tronco perché si era fatto pagare furbescamente due volte ciò che gli spettava. Solo da noi risulta immunizzato contro ogni sospetto. Ha il siero, distribuito da Berlinguer a tutti i comunisti travestiti da democratici. Si sono iniettati la "superiorità morale".

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    08 Ottobre 2016 - 18:06

    Senza intervento della magistratura americana, non ce n era bisogno, il fenomeno era stato cacciato dagli Stati Uniti per le solite fatture, evidentemente in Italia scrocchiate i contribuenti non è reato tanto che il fatto non sussiste.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog