Cerca

Ha scelta il suo uomo

I nomi del post-referendum che spaventano Renzi: favorito Franceschini, spunta Calenda

I  nomi del post-referendum che spaventano Renzi: favorito Franceschini, spunta Calenda

"Se vince il No vado a casa". L'aveva detto Matteo Renzi quando si sentiva la vittoria in tasca. Ma con l'avvicinarsi del 4 dicembre, data del referendum costituzionale, e i sondaggi che danno il fronte del Sì a rischio sconfitta, lo scenario di un successore a Palazzo Chigi sembra sempre più concreta tra le fila del Partito Democratico. 

Secondo La Stampa, i nomi che si rincorrono per un post Renzi sono sostanzialmente tre. Il superfavorito è Dario Franceschini, attuale ministro della Cultura. Il leader di Areadem (la corrente interna a cui appartiene mezzo partito) è vicino anche alla minoranza del Partito Democratico e a Forza Italia, rapporti fondamentali per un dopo referendum in cui si dovranno equilibrare gli interessi di tutte le ali del Parlamento. Talmente favorito da meritarsi anche una battutina di Renzi, che un paio di giorni fa, a Firenze, gli ha detto che: "Caro Dario, l'ultimo ferrarese che è passato di qui ha fatto una brutta fine", riferendosi al Savonarola, di Ferrara come Franceschini, bruciato in piazza della Signoria.

Gli altri due nomi sono quelli di Pier Carlo Padoan, che Sergio Mattarella avallerebbe per rassicurare i mercati internazionali, e Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico, che si sarebbe vantato della possibilità di detronizzare Matteo Renzi grazie al suo impegno di spinta sulla crescita. Una vanteria che l'ha messo in cattiva luce col premier che, anche in caso di abbandono di palazzo Chigi, potrebbe cassarlo. Perché all'alba del 5 dicembre potrebbe non essere più Presidente del Consiglio, ma segretario del Pd rimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Leopard47

    11 Ottobre 2016 - 13:01

    e quando ci fanno votare!!!!!! si alternano come la corrente elettrica e nessuno si chiede ma quando andremo a votare???? che ci sta a fare l'opposizione e Mattarella non si pronuncia mai " già dimenticavo comanda ancora l'emerito scoreggione"

    Report

    Rispondi

  • bettym

    11 Ottobre 2016 - 09:09

    una volta c'erano le votazioni....adesso fanno di disfanno tutto per conto loro, senza minimamente tener conto della volontà del popolo!! Bravi davvero...però tutti continuano a chiamarla "democrazia"...Ormai sono oltre 30 anni che la democrazia è morta!!!! e noi?? sappiamo bene quello che sta succedendo e sappiamo anche cosa sarebbe giusto fare...

    Report

    Rispondi

  • maiPD

    maiPD

    11 Ottobre 2016 - 09:09

    una volta avevamo il diritto di voto . che fine ha fatto ?

    Report

    Rispondi

  • iosonio

    11 Ottobre 2016 - 00:12

    ma andare a votare no eehh??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog