Cerca

Il retroscena

Pd, verso la scissione: Renzi mette Bersani all'angolo

Il Pd esplode, la scissione: chi va via. Ma Renzi li frega, Bersani è finito

Ormai il Pd è spaccato e torna l'ombra della scissione. A prospettarla, dopo l'intervista di Pierluigi Bersani e i No al referendum di Roberto Speranza e Massimo D'Alema, è lo stesso presidente del Consiglio: "A questo punto la rottura appare davvero insanabile. Quelli hanno un solo obiettivo: farmi fuori. Voterebbero no al referendum anche se cancellassi l'Italicum". In ogni caso, riporta in un retroscena il Messaggero, oggi 10 ottobre, in direzione del partito, il premier ribadirà di essere disponibile a cambiare la legge elettorale, forse anche presentando un documento che verrà poi messo ai voti.

La strategia di Renzi è: essere disponibile a rivisitare l'Italicum, venendo così incontro alla sua minoranza per sostenere il  al referendum, e dimostrare così che il No di Bersani "è strumentale" e che non è vero che lui è "solo chiacchiere". Provare insomma che l'ex segretario e i suoi "usano il referendum come un congresso, con il solo obiettivo di mandarmi a casa". Ergo, se i ribelli accettano le modifiche, bene. Altrimenti il loro "rifiuto preventivo a trattare" "dimostrerà agli elettori del Pd chi opera in buona fede, nell'interesse del partito e del Paese, e chi punta soltanto a riconquistare poltrone e poltroncine". E in ogni caso, lui ne uscirà bene. 

Sull'Italiacum che resta "una buona legge in quanto consente di sapere chi ha vinto già la sera delle elezioni, garantendo stabilità", Renzi quindi sarebbe disposto persino ad abolire il ballottaggio, a non porre veti alla proposta che piace ad Angelino Alfano di mantenere il doppio turno, e a dare il premio di maggioranza all'alleanza vincente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    10 Ottobre 2016 - 14:02

    se sparissero tutti sarebbe un bene per tutti noi.

    Report

    Rispondi

  • BO45MARPASS

    10 Ottobre 2016 - 12:12

    i vecchi condottieri del ex P.C poi P.D.S e altre sigle a seguire ,a mio giudizio dovrebbero seguire l'esenpio di un grande (ma dimenticato OCCHETTO)che una volta visto bocciato(a mio giudizio sbaliando) il suo progetto politico ha fatto un passo inditro,lasciando fare a questi(che dovrebbero seguire il suo esempio) disastri verso quella sinistra che a parole rappresentano

    Report

    Rispondi

  • GRISO59

    10 Ottobre 2016 - 12:12

    Fatti votare se vuoi restare al governo. Stai governando con uomini eletti con Berlusconi. e nessuno ti ha votato. Ritorna a fare il sindaco di Firenze ma non credo che anche li ti vogliano ancora. Bla bla Bla.

    Report

    Rispondi

  • mai

    10 Ottobre 2016 - 11:11

    Questo tipo se le inventa tutte per non farci votare. DITTATORE lui e tutti i suoi accoliti che sanno cosa succede se ci facessero votare. Occorrerebbe fare un Partito e chiamarlo " VOGLIO VOTARE ". Basta brogli ed imbrogli e dittature costruite da gente che ha paura del voto e che hanno risposto al richiamo: FALLITI DI TUTTI I PARTITI, UNIAMOCI PRIMA CHE CI FACCIANO SPARIRE "

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog