Cerca

La folle idea

Pd, Bersani pensa alle dimissioni: la Bindi al suo posto?

Il segretario pronto alle dimissioni pur di convincere il M5S. Il Pd vuole proporre Rosy, l'emblema della Casta: dai grillini arriverà un altro "vaffa"

Rosy Bindi e Pier Luigi Bersani

Bindi e Bersani

 

Potrebbe mollare. Ci ha messo diversi giorni a metabolizzare la clamorosa sconfitta elettorale, ma ora Pier Luigi Bersani starebbe valutando l'ipotesi di fare un passo indietro, di dimettersi. L'obiettivo è sempre quello: l'accordo con Beppe Grillo e fare del Pd il "perno" di una prossima e improbabile maggioranza di governo. Bersani, ospite da Lilli Gruber a Otto e Mezzo, spiega che "non ci sono questioni personali", e aggiunge di non essere considerato un ostacolo per la ricerca di una soluzione in grado di dare governabilità al Paese. Ma nel caso servisse la sua testa, ora, sarebbe disposto ad offrirla. Un ravvedimento forse tardivo, e non solo nell'ottica di un'alleanza con il Movimento 5 Stelle: il segretario di ogni partito, con buona probabilità, si sarebbe immediatamente dimesso dopo aver perso elezioni che considerava già vinte.

Orrore Bindi - La novità, in via del Nazareno, è questa: il segretario sarebbe disponibile a un passo indietro rispetto all'incarico pur di riuscire a dar vita a un nuovo esecutivo, a patto però che questo serva a dare il necessario peso al Pd nella prossima legislatura. Il problema, però, è il nome che circola con più insistenza come sostituto di Bersani. Il Partito Democratico, come ultima mossa suicida nell'impossibile dialogo con Beppe Grillo, starebbe pensando a Rosy Bindi, presidente dell'assemblea del Pd e vice-presidente alla Camera. Bindi, l'emblema della Casta, per strappare un "sì" a Grillo: un'idea francamente assurda. Alla Bindi, secondo i vertici di via del Nazareno, potrebbero essere affiancate altre personalità in grado di coagulare un ampio consenso nel tentativo di dare vita a quel governo "di cambiamento" di cui Bersani ha parlato in studio dalla Gruber. La "defenestrazione" di Bersani, però, potrebbe avvenire solo dopo l'individuazione dei presidenti della Camera e del Senato, un passaggio cruciale verso la formazione del prossimo governo e sul quale sarebbe concentrato anche il Capo dello Stato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Sillyhound

    10 Marzo 2013 - 13:01

    .... ma chi ha lanciato l'idea? Mi pare solo l'autore dell'articolo.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    10 Marzo 2013 - 10:10

    Ma gli ha dato di volta il cervello? Spero che sia una notiziola priva di fondamento perchè altrimenti il PD, e con lui il paese, sarebbe veramente fritto!

    Report

    Rispondi

  • dx

    10 Marzo 2013 - 09:09

    mi sembra l'uomo giusto per vincere le prossime elezioni-

    Report

    Rispondi

  • sulin

    09 Marzo 2013 - 18:06

    Questa sì...che è aria nuova !!!!! Che fai Bersani "ci minacci"????? AIUTOOOOOOOOO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog