Cerca

La crisi isterica del Loden

Mario Monti, come ti sei ridotto? Gli scippano il nome Scelta Civica

Mario Monti

Sempre più in basso. A Mario Monti, al professore delle tasse, non resta più neppure il nome di Scelta Civica. Dopo aver smantellato l'Italia col suo governo tecnico, dopo aver rovinosamente perduto la corsa per Palazzo Chigi, dopo aver altrettanto rovinosamente perduto l'occasione di costruire un terzo polo, ora perde anche "Scelta Civica". Monti, infatti, sarà costretto a cedere l'uso del marchio Scelta Civica a Montecitorio. A strapparglielo è il viceministro all'Economia, Enrico Zanetti, che lancia con Denis Verdini un nuovo gruppo alla Camera, chiamato appunto "Scelta civica verso i cittadini per l'Italia - Maie".

Eppure Monti, non tradendo l'ostinazione del suo personaggio, non molla e invia una disperata lettera all'Ufficio di presidenza, nella quale scrive: "Il detentore del nome e del simbolo sono io". Peccato però che il senatore Monti abbia da tempo chiuso con Scelta Civica, tanto che la questione del simbolo si trascina da tempo ed è già approdata in tribunale. Oggi, l'ultimo capitolo: nel corso dell'ufficio di presidenza a Montecitorio, Zanetti e altri cinque deputati si sono uniti con dieci colleghi di Ala, ottenendo così la deroga per far nascere un gruppo autonomo anche senza poter contare sulle venti unità previste dal regolamento. E, va da sé, senza il consenso di Monti, che riferivano fosse infuriato.

Monti, nella lettera, ha anche aggiunto che la proprietà del simbolo gli spetta sulla base di una scrittura privata in suo possesso, che ha anche allegato. Il risultato? Zero. L'ufficio di presidenza ha spiegato che Monti è titolare esclusivo del simbolo, ma non del nome. Monti, dunque, fregato da Zanetti, che si porta a casa il nome,

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    14 Ottobre 2016 - 11:11

    ...è ridotto che lo hanno fatto senatore a vita................speriamo che raggiunga la scelta di farsi da parte al più presto. I danni rimangono e chi li ha fatti e poi eseguiti se ne vanno.

    Report

    Rispondi

  • babbone

    13 Ottobre 2016 - 16:04

    A "monti" nugnepofregademeno" lui è Senatore a vita e noi con le pezze arculo con la firma del vecchio bacucco.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    13 Ottobre 2016 - 14:02

    Monti......maledetto che non sei altro.....hai partorito solo fregature ai cittadini medi e poveri....quel prete spretato di Zanetti è un altro imbecille degno di te !

    Report

    Rispondi

  • g.trimboli

    13 Ottobre 2016 - 08:08

    Mi viene da ridere al solo pensiero che "questa brava persona" rappresenti una università importante come la Bocconi. Cosa aspettano a mandarlo a Sant,'Elena con solo biglietto di andata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog