Cerca

Caso Ruby

Silvio ricoverato per la congiuntivite
Ma per Ilda non è un impedimento

Silvio Berlusconi

I giudici di Milano hanno accolto l'impedimento avanzato dai legali di Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele per una congiuntivite, ritenendolo "legittimo e assoluto allo stato". Colpo di scena, dunque, all'udienza del processo Ruby: si tornerà in aula come da calendario lunedì prossimo, 11 marzo. Una decisione che sconvolge i piani della pm Ilda Boccassini, che in aula ha ribadito la volontà di avere in tribunale il Cavaliere nonostante i problemi di salute: la congiuntivite lo affligge dalla fine della campagna elettorale e gli ha impedito di chiudere la campagna elettorale a Napoli costringendolo a una videoconferenza. 

L'attacco di Ilda - "L’uveite bilaterale di cui soffre l’ex premier - ha attaccato in mattinata Ilda la Rossa - non è stata avanzata come primo legittimo impedimento, ma solo attraverso tre successivi certificati medici che rappresentano un’escalation  per fermare l’udienza di oggi. Io, invece, chiedo che venga respinto il legittimo impedimento e si possa procedere”. La camera di consiglio ha deciso di sospendere il processo in attesa che arrivi un certificato medico annunciato dai legali di Berlusconi.  Il procuratore aggiunto Ilda Boccassini ha "preso atto" della decisione del collegio, presieduta da Giulia Turri, ma ha domandato che venga chiesta alla presidenza del tribunale una "turnazione della cancelleria" in modo che si possa andare oltre le 17 di questo pomeriggio (ndr data in cui i cancellieri smettono di lavorare) in modo che "si definisca l’udienza odierna".

La ricostruzione - Con una "breve cronistoria" la Boccassini ha spiegato in aula che il primo fax della difesa, datato 6 marzo, annuncia per oggi un  legittimo impedimento perché Berlusconi deve "presenziare a una   riunione a Palazzo Grazioli", residenza privata del Cavaliere, con i   vertici del Pdl . Ieri un altro fax "annulla il legittimo impedimento per impegni   istituzionali" e ne chiede uno nuovo "per condizioni di salute"   allegando una "documentazione medica su carta intestata dell’ospedale   San Raffaele datata 5 marzo, in cui si parla di "uveite bilaterale e   si prescrive un periodo di almeno sette giorni di totale riposo e cura  a domicilio". Un secondo certificato medico spiega che "al momento è   controindicata qualsiasi attività che prevede fonte di luce intensa". La Bossassini fa notare che nel primo fax, quando viene chiesto il primo legittimo   impedimento non si fa cenno dei motivi medici, sebbene già noti.  Nulla viene detto perché Berlusconi ritiene che la malattia non sia   da ostacolo alle sue attività politiche. Un nuovo certificato di   ieri - continua la Boccassini -  evidenzia come "la mancata adesione" ai consigli medici "può   implicare delle complicazioni della patologia". Per l’accusa "è di   tutta evidenza che un medico serio avrebbe dovuto evidenziare questi  rischi subito" ed è altrettanto "chiaro che la patologia di   Berlusconi non possa rappresentare un impedimento assoluto". I legali del   Cavaliere, invece, sostengono che la patologia di cui soffre   Berlusconi è tale da impedirgli la sua presenza in aula. Tra l’altro,  quando i giudici erano già in Camera di Consiglio, è stata resa nota  la notizia che l’ex premier è stato ricoverato all’ospedale San Raffaele.  


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • redicoppe

    08 Settembre 2014 - 11:11

    si tratta solo diunacngiuntivite

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    10 Marzo 2013 - 09:09

    caro, tranquillo, a me non brucia niente e da sempre, perché mi onoro di appartenere a quella minoranza, eternamente perdente, che è onorata di essere minoranza e perdente dato che la maggioranza vincente è composta da persone come te, berlusconi, scilipoti, fiorito, cosentino, penati, formigoni, lusi, minetti, corona, d'alema e via andando. Tu invece, a volte non ti deprimi nel renderti conto di come fai ad essere così stupido ? Ha già, dimenticavo, "rendersi conto" presuppone ad una capacità di giudizio cosa che in voi bananas è totalmente asse,te.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    10 Marzo 2013 - 08:08

    Se componi un testo più lungo delle tre insulse solite frasi che scrivi,hai paura di entrare in una dimensione mentale ancora a te sconosciuta? Se vuoi imitarmi bene devi mostrare che sai comporre un testo fantasioso e inequivocabilmente a me associabile(il vero UNGHIANERA)altrimenti l'unico risultato che otterrai e forse hai ottenuto è quello di lasciare sorpresi i tuoi sodali,quelli che mi conoscono ti hanno"sgammato"dopo il primo tuo postato,e i tuoi sodali stanno ora pensando che sei solo un coglione che non sa nemmeno imitarmi tanto bene!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    10 Marzo 2013 - 08:08

    L'UNGHIANERA taroccato ha"coglionato"anche te,non che questo mi meravigli,un deficiente come te è facile da gabbare ma,mi sta sulle palle che costui,il tarocco,sia riuscito a farti credere che io possa ironizzare su Silvio,il che:non accadrà mai!Dunque,da oggi in poi sarà facile per te capire quale dei 2 UNGHIANERA è l'originale,quello che ironizza su Silvio usando il mio nick-name è il tarocco!In pratica è un coglione che per ricevere un minimo di interesse è costretto ad assumere la mia personalità,un tuo sodale...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog