Cerca

Il retroscena

La rivolta interna a Forza Italia. Pugnalata al Cav a casa di Renzi

La rivolta interna a Forza Italia. Pugnalata al Cav a casa di Renzi

Silvio Berlusconi è tornato ad Arcore dopo il viaggio negli Stati Uniti per esami clinici e visite post intervento al cuore e oggi venerdì 14 ottobre incontrerà gli alleati Giorgia Meloni e Matteo Salvini: è tempo infatti, nonostante il Cav non sia ancora in perfetta forma, di scendere in campo e stabilire, riporta il Tempo, le strategie della campagna elettorale per il No al referendum.

Quello che vogliono i leader di Lega e Fratelli d'Italia è che l'ex presidente del Consiglio si schieri in modo chiaro e netto con i contrari alla riforma costituzionale superando così le ambiguità che ha dimostrato finora dato che il partito è quasi a maggioranza per il No mentre le sua aziende sembrano orientata al Sì. Pare, però, che Berlusconi voglia prima aspettare i risultati di ulteriori sondaggi prima prendere una decisione. L'ideale per lui sarebbe una vittoria del No, ma non schiacciante. In questo modo Matteo Renzi ne uscirebbe indebolito ma non sconfitto, e potrebbe essere costretto a chiedere aiuto proprio a Forza Italia per una nuova maggioranza di governo. Ed è quello che temono molti big del partito che sono furiosi con Stefano Parisi, considerato uomo-chiave per questa strategia.

Intanto si rafforza l'asse tra i tre governatori Giovanni Toti, Roberto Maroni e Luca Zaia (Liguria, Lombardia e Veneto) che hanno presentato un documento per il No alla riforma con delle specifiche modifiche. Mentre in Toscana è nato un comitato di azzurri per il Sì, che dimostra tutta la spaccatura interna a Forza Italia. Altri ancora potrebbero schierarsi con il Sì in Campania e nelle Marche, e aggiungersi ai 35 ex parlamentari del centrodestra che hanno già aderito all'appello di Marcello Pera

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ANGIVI1977

    19 Ottobre 2016 - 17:05

    E'una Vergogna. Silvio Berlusconi e'il solo ed unico vero politico oggi esistente. E'lúnico che non ha mai RUBATO soldi allo stato Italiano. I senatori e deputati che oggi gli voltano le spalle DEVONO vergognarsi. SILVIO li ha creati. VERGOGNA

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    16 Ottobre 2016 - 07:07

    Più che lacerato ,FI mi sembra un partito macerato. Speriamo solo che i suoi ( ahimé pochi) elettori non ascoltino le indicazioni dei suoi capi stracotti ma votino seguendo le proprie convinzioni.

    Report

    Rispondi

  • corrado.latella

    15 Ottobre 2016 - 18:06

    Sapete che vi dico?: mi sa che non andrò a votare. Mi sono proprio scassato i cabasisi, questi quattro furfanti, tutti, non meritano che di essere presi a calci in culo. Ragazzi se ancora oggi hanno parola gente come Rutelli. Pera e tanti altri vecchi arnesi , vuol dire che siamo arrivati alla frutta.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    15 Ottobre 2016 - 17:05

    Oh, finalmente qualcuno che dice le cose come stanno realmente! Berlusconi e il suo finto appoggio al NO, mentre sotto sotto sta trattando insieme a parisi per una riedizione del nazareno, o del governo di larghe intese. Non ci crediamo più alla opposizione di f.I. Bravi! Finalmente un giornale che ha il coraggio di dirlo. spero solo che Salvini e Meloni lo capiscano in tempo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog