Cerca

Storia da riscrivere

Ricolfi: "Chi ha pilotato il golpe del 2011 contro Berlusconi". Spunta un sondaggio censurato

Ricolfi: "Chi ha pilotato il golpe del 2011 contro Berlusconi". Spunta un sondaggio censurato

Sui fatti del 2011 hanno parlato in molti, e 5 anni dopo sempre più "insospettabili" alimentano la versione che europeisti e anti-Cav vedono come fumo negli occhi: il golpe. "Morbido" o brutale che sia, oggi anche un progressista moderato come il politologo e sociologo Luca Ricolfi, non certo additabile di simpatie berlusconiane, torna su quei momenti drammatici che hanno portato alla sostituzione di Silvio Berlusconi con Mario Monti.

La montatura dello spread - Innanzitutto, sulla febbre da spread che colpì l'Italia da luglio 2011 "c'è stata una valutazione un po' esagerata. L'Italia non stava subendo un atteggiamento particolarmente feroce, era dove le spettava in quella particolare situazione dei mercati". Come spiegare allora l'accanimento mediatico e lo stress politico sul governo Berlusconi? "È evidente che a luglio era già tutto pronto, quando lo spread era relativamente tranquillo. La caduta di Berlusconi è stata pilotata. Che poi questo abbia fatto bene all'Italia, può darsi". Secondo Ricolfi, l'establishment europeo non avrebbe visto di buon occhio non solo le politiche del Cavaliere, ma il suo stesso atteggiamento anti-conformista: "Era un corpo estraneo, non era uno con cui si potesse dialogare secondo le regole comuni".

Il disastro di Monti - Da lì l'idea di sostituirlo con Monti, che di quell'establishment europeo era campione assoluto. Errore drammatico, ammesso dallo stesso Ricolfi che pure in quei mesi si schierò spesso con il Professore. "I mercati allora avevano paura dei Paesi che non crescevano, come l'Italia. Poi però Monti fece subito una manovra recessiva e vidi che la sua linea era in continuità con la solita linea della sinistra di aumentare le tasse in maniera permanente". Un autogol clamoroso.

Mistero Montezemolo - La storia però sarebbe potuta andare diversamente: "Posso testimoniare una circostanza. Allora coordinavo un ampio sondaggio commissionato da Luca di Montezemolo e la sua Italia Futura: Montezemolo, nel 2010-2011, si presentava come la figura che poteva rappresentare questa scelta di cambiamento. I dati di quel sondaggio gli davano un potenziale elettorale del 20%, il partito di Montezemolo poteva essere la nuova Forza Italia. Questi dati stavano per essere annunciati. Fui convocato a Roma per presentarli, ma a un certo punto mi dissero che si doveva fermare tutto. Pochi giorni dopo, Napolitano incaricò Monti di formare un nuovo governo. Interpretai quella uscita di scena così: qualcuno, forse Montezemolo stesso, aveva deciso che la bandiera del cambiamento doveva passare a Monti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    20 Ottobre 2016 - 10:10

    Quindi è la UE che decide chi deve governare l Italia?

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    20 Ottobre 2016 - 09:09

    il golpe ci ha salvato dall'incompentenza dell'ottantenne pregiudicato

    Report

    Rispondi

  • akapana

    akapana

    20 Ottobre 2016 - 00:12

    Si parla di golpe contro il governo Berlusconi. Ci sono le prove enunciate da persone attendibili. Sono stati scritti libri che descrivono l'inequivocabile comportamento golpista del comunista Napolitano eppure in questo paese dei balocchi tutti quanti cianciano e nessuno fa il suo dovere di incriminare i responsabili.

    Report

    Rispondi

    • marino43

      20 Ottobre 2016 - 10:10

      A parte Libero e quel gran genio di Ricolfi che sanno tutto e conoscono tutto e tutti. Loro si che conoscono i nomi e cognomi ma non li fanno perché sono discreti....anzi dis-cretini ! E pensare che sarebbe così semplice andare in Procura. Loro hanno uffici legali che li supportano. Ma siccome adesso il condannato è tornato da N.Y. devono metterlo in mostra, come un pappagallo in vetrina.

      Report

      Rispondi

  • marino43

    19 Ottobre 2016 - 15:03

    Luca Ricolfi I nomi...fai i nomi di chi ha fermato questo fantomatico sondaggio. Ricolfi è un cialtrone che spara cazzate dicendo...mi hanno fermato. Chi lo ha fermato? E' ora di finirla con ...mi hanno detto...mi hanno fermato...c'è chi ha voluto il golpe.. CHI? ASPETTIAMO I NOMI E COGNOMI! Fare un golpe è GRAVISSIMO...Denunciateli alle autorità!..vediamo se avete coraggio..cialtroni!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog