Cerca

La richiesta

Diritti tv, il pg chiede la visita fiscale per Berlusconi

Il Pg Laura Bertolè Viale: Silvio può venire in Aula, la luce non è forte

Silvio Berlusconi

 

Come un copione già scritto. Il protagonista è sempre lui: Silvio Berlusconi, ricoverato all'ospedale San Raffaele con una "uvite bilaterale". Tutto si svolge al Palazzo di giustizia di Milano, esattament ecome ieri, 8 marzo, quando il procuratore Ilda Boccassini si era opposta alla richiesta di legittimo impedimento presentata dai difensori del Cavaliere chiedendo che Berlusconi andasse in aula e poi, una visita fiscale da parte di un medico che riferisse sulle condizioni dell'ex premier. Era il giorno di Ilda, la leonessa della procura milanese che avrebbe dovuto fare le richieste di condanna per il processo Ruby contro Silvio accusato di concussione sfruttamento della prostituzione minorile. Alla fine, dopo una lunga camera di consiglio i giudici, presieduti di Giulia Turri, hanno ricevuto il certificato di ricovero del San Raffaele e hanno accolto la richiesta della difesa del Cav: il processo si sospende. La patologia costituisce legittimo impedimento

Nuova mossa - Dopo un giorno, la storia si ripete. oggi, sabato 9 marzo, in programma c'era l'udienza per i diritti televisivi dove Berlusconi è imputato per frode fiscale. Ovviamente i legali hanno chiesto anche per quest'udienza il legittimo impedimento, ma il procuratore generale di Milano Laura Bertolè Viale ha ripetuto la mossa di Ilda. Ha chiesto la visita fiscale,  ha chiesto che un "medico di fiducia della Corte possa   visitare Berlusconi". Per il procuratore generale, "non c'è alcun   dubbio che Berlusconi è ricoverato" perché secondo i medici è   indispensabile un monitoraggio continuo, ma questo "non rappresenta   un’assoluta impossibilità a presenziare" e visto che in aula "non ci   sono luci particolarmente forti" chiede ai giudici che un medico di   fiducia della Corte "vada al San Raffaele per accertare" che l’ex   premier "sia davvero impossibilitato a venire in aula". Aula dove, ricorda il pg, il Cavaliere "è venuto una sola volta".

La richiesta - Il Collegio della seconda sezione della Corte d’Appello di Milano presieduto dal giudice Anna Galli ha accolto la richiesta del sostituto procuratore generale Laura Bertolè Viale e, dopo circa tre quarti d’ora di Camera di Consiglio, ha disposto una visita fiscale a carico dell’ex premier Silvio Berlusconi.  L’incarico è stato affidato al medico legale Carlo Loi e all’oculista Pasquale Troiano. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mania

    10 Marzo 2013 - 10:10

    che effetto farà oggi a tutti gli idioti sinistrati che hanno scritto commenti a iosa,sapere che un ex magistrato come Casson (che non mi pare sia mai stato berlusconiano)abbia detto che i suoi ex colleghi non sono poi stati così intelligenti nel pretendere ciò che poi hanno ottenuto e che non sono stati affatto corretti. attendiamo altri prevedibili commenti idioti,da sinistrati in servizio permanente attivo

    Report

    Rispondi

  • blu521

    09 Marzo 2013 - 18:06

    Prendo atto della resa, ora se ne può andare affanculo con l'animo sereno

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    09 Marzo 2013 - 18:06

    sei irrecuperabile.Vai a farti fottere.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    09 Marzo 2013 - 18:06

    Non sono un cultore dei progressi politici di quei due geni, so solo che grazie al suo voto siedono in Parlamento razzi e scilipoti. Prendo atto che lei seguita ad abbaiare alla luna ma i nomi che le sollecito da due settimane non li fa. Ma perchè non se ne sta zitto? Bananas!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog