Cerca

In Mezz'Ora

Renzi dall'Annunziata, la cronaca di un duello tesissimo

Matteo Renzi e Lucia Annunziata

Scintille a In Mezz'Ora, dove l'ospite d'onore era Matteo Renzi. Altissima tensione quando il dibattito si sposta sullo 0,1% della legge di bilancio al centro della disfida tra governo ed Europa. Un'Annunziata nervosissima ribatte colpo su colpo al premier, che non molla di un millimetro e la subissa di parole. Su Twitter, infatti, uno dei ritornelli più diffusi era: "Renzi intervista l'Annunziata". Lucia non molla sullo 0,1%, e Renzi la incalza: "Perché insiste?". "Sono curiosa". Touché.

Altro scontro violento sulla rottamazione delle cartelle e l'abolizione degli interessi, sul quale la conduttrice si mostra scettica: "Sì, ma c'è chi quegli interessi li ha pagati". Un colpo basso, al quale il premier risponde dopo poco. Si è tornati a parlare del referendum, la discussione è ancora accesissima, e la Annunziata afferma: "Io non so come arriveremo alle 4 con queste discussioni". Assist perfetto per il premier, che la infilza: "Io non so come si arriva alle tre, anche perché gioca la Fiorentina".

Quando si parla del viaggio negli Usa e dell'endorsement di Obama, Renzi spiega: "Ognuno ha i suoi di endorsement. C'è chi ha quello di Obama e quello di D'Alema". E Annunziata difende Baffino: "Paragonandolo al presidente degli Stati Uniti gli fa un grande onore". Dunque il premier ricorda le parole di Obama, preoccupato per l'Europa perché "torni a parlare il linguaggio della crescita e non dell'austerity" e sostiene che quello del presidente americano è "un grande endorsement per l'Italia"

La battaglia prosegue, con un'Annunziata sempre più nervosa. Si parla della manovra e dell'inter che dovrà seguire in Parlamento. Renzi continua a dirle: "Ma entriamo nel merito del provvedimento". E Lucia: "Anche parlare degli iter è una questione di merito. Non può ripetermi sempre la stessa cosa". E Renzi: "Cosa starei facendo di così scorretto, mi scusi?". E in studio ancora gelo, ancor più tensione. A quel punto si è quasi alla fine, emblematici i saluti dell'Annunziata: "La ringrazio presidente, di essere sempre qui anche se non andiamo spesso d'accordo". E Renzi: "Sempre qui? E che è, uno stalking?". Alla prossima puntata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patriziabellini

    24 Ottobre 2016 - 08:08

    E chi se ne frega dell'endorsement (approvazione) di Obama, un altro ottimo motivo per votare NO, NO, NO. RICORDIAMOCI che Obama è presidente per quella particolare stupidità degli americani di volere sempre i primati: il presidente nero, il presidente donna.... infatti è stato uno dei più incapaci della storia americana, come sarebbe la Clinton.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    23 Ottobre 2016 - 19:07

    ....bastano solo tre minuti per comprendere che Matteuccio è un gran ballista.....appena lo vedo cambio canale !

    Report

    Rispondi

  • gescon

    23 Ottobre 2016 - 19:07

    Questa è la doppia facciata che esibisce la sinistra. Rissosa , becera, inconcludente, arrogante, prepotente, bugiarda , in una parola squallida. Questi abusivi ci hanno proprio stancati. Debbono togliere il disturbo. Sanno anche che non ci sarà più l'eversore napoletano a proteggerli.

    Report

    Rispondi

  • Elio De Bon

    23 Ottobre 2016 - 16:04

    Che meraviglia: lancio e scambio di merda tra Zecche Rosse!!

    Report

    Rispondi

blog