Cerca

Venghino, signori venghino

La lotteria con gli scontrini fiscali: l'idea del governo per combattere l'evasione fiscale

La lotteria con gli scontrini fiscali: l'idea del governo per combattere l'evasione fiscale

Ora Matteo Renzi si dà al gioco d'azzardo. L'ultima idea per combattere l'evasione fiscale? Una riffa, una lotteria, con ricchi premi da abbinare agli scontrini. L'idea è di incassare una vincita, secondo il governo, dovrebbe incentivare i clienti a chiedere lo scontrino, combattendo così l'evasione fiscale in ogni tipo di compravendita. L'idea è stata proposta dal viceministro dell'Economia, Luigi Casero, competente sulle questioni tributarie, in un'intervista al Corriere della Sera. Un'idea che, per intendersi, fu accarezzata anche dalla Grecia nei giorni più bui della crisi economica.

Casero ha spiegato che il sistema italiano partirà il prossimo anno con una sperimentazione sullo scontrino elettronico: non si dovranno dunque conservare gli scontrini cartacei perché grazie a quello elettronico, il codice fiscale verrà registrato direttamente all'Agenzia delle Entrate al momento dell'acquisto. Il viceministro ha aggiunto che ogni contribuente avrà accesso ad un file dove verranno registrati gli acquisti e i codici per prendere parte alla lotteria. Una procedura in tutto e per tutto simile a quella che avviene nelle farmacie. Buona riffa a tutti...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    24 Ottobre 2016 - 19:07

    si si, abbiamo capito, quando è ora di pagare si fanno avanti gli amici ed i paesani come sempre. i soliti PACCHI, preferisco lo sconto subito che una gallina domani.

    Report

    Rispondi

  • josef.sezzinger

    24 Ottobre 2016 - 11:11

    Tra pagamenti e scontrini elettronici siamo entrati in pieno nell'era del controllo digitale della vita delle persone dove il Ministero dell'Economia e Finanze ambisce a raccogliere una mole di dati sempre maggiore sugli italiani, sulle loro abitudini di spesa. Il cittadino è ormai cavia di una sperimentazione volta alla maggiore raccolta fiscale possibile, una obiettivo di chi Comanda.

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    24 Ottobre 2016 - 11:11

    La Stasi della DDR era piu' seria e meno invasiva. Anche il KGB non si è mai sognato di indire una lotteria abbinata agli acquisti della mercanzia da parte del Popolo. Non mi risultano queste storie neanche da parte della polizia politica della Corea del Nord.

    Report

    Rispondi

  • gisto

    24 Ottobre 2016 - 10:10

    Bello,Bellisimo.Così guardano anche cosa consumiamo,quello che scartiamo(pattume) con la tessera per immettere nei cassonetti,il bancomat tracciabile,il cellulare che indica dove siamo,se poi a completare ci mettiamo un facebook e whatsapp siamo a posto.Questa è la libertà che ho sempre sognato.Ma a qualcuno piace essere "suddito" finchè qualcunaltro gli dirà se va bene o no quello che ha comprato

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog