Cerca

La pugnalata dell'Europa

Borghezio, parte la vendetta della Kyenge. Le aveva detto "neg...": ora rischia grosso

Mario Borghezio e Cécile Kyenge

Mario Borghezio e Cécile Kyenge

Il Parlamento Europeo, riunito oggi in plenaria a Strasburgo, ha deciso di non difendere i privilegi e le immunità dell’eurodeputato leghista Mario Borghezio, accusato di aver propagandato nell’aprile 2013, nel corso di una puntata della Zanzara su Radio24, idee fondate sulla superiorità e sull’odio razziale o etnico, commentando la nomina del ministro dell’Integrazione Cécile Kyenge. L’aula ha votato per alzata di mano, approvando la proposta del relatore bulgaro Angel Dzhambazki

Secondo la proposta dell’Europarlamento, adottata in Commissione Affari Legali il 12 ottobre, le dichiarazioni fatte da Borghezio nell’occasione "superano i toni che si incontrano generalmente nel dibattito politico e sono, per di più, profondamente non parlamentari nella loro natura". Pertanto, non si può valutare che Borghezio "abbia agito nell’occasione svolgendo le proprie funzioni di membro del Parlamento". "Un membro del Parlamento Europeo che manifesta disprezzo e odio in ragione del colore della mia pelle - commenta Cécile Kyenge - non ha offeso solo me, ma i valori delle istituzioni europee e di tutti coloro che non riconoscono differenze e discriminano tra le persone per motivi di razza, religione o sesso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    26 Ottobre 2016 - 11:11

    Solo dei deficenti Pidioti potevano candidare un animale simile...

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    26 Ottobre 2016 - 00:12

    Kashetu Kyenge, figlia di un poligamo kongolese e stergone, venuta in Italia da clandestina... ma che cavolo vuole questa brutta copia di Chita? Perché non se ne torna nella sua giungla a spellare banane?

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    26 Ottobre 2016 - 00:12

    Kashetu Kyenge, figlia di un poligamo kongolese e stergone, venuta in Italia da clandestina... ma che cavolo vuole questa brutta copia di Chita? Perché non se ne torna nella sua giungla a spellare banane?

    Report

    Rispondi

blog