Cerca

Movimento 5 Stelle

Movimento 5 stelle, il regolamento passa senza il quorum

Movimento 5 stelle, il regolamento passa senza il quorum

Passano il Non Statuto e il nuovo Regolamento del Movimento 5 Stelle pur senza aver raggiunto il quorum del 75 per cento degli iscritti. Alle 21 di mercoledì sera hanno votato 87.213 su un totale di 135.023. Via libera alle espulsioni dunque, ma decise da un collegio di tre probiviri e sotto la supervisione del "capo politico": Beppe Grillo. La rivoluzione Cinquestelle apre un caso politico. Il M5S intende adottare le nuove regole anche violando l'articolo del codice civile che prevede la soglia del 75% per le associazioni non riconosciute. "Ha votato la maggioranza assoluta degli iscritti" raggiungendo quello che probabilmente "è il record mondiale di partecipanti a una votazione online per una forza politica o un'associazione", si legge sul blog di Grillo.

"Oltre il 90% di chi ha votato si è espresso a favore dell'aggiornamento del Non Statuto e del Regolamento e più del 70% per il Regolamento nella sua versione con le espulsioni. Faremo in modo che questa chiara volontà venga rispettata in ossequio alle leggi attuali: i nostri avvocati sono già al lavoro per questo", viene spiegato ancora.

"Processi, burocrazie, codici e codicilli non possono fermarci perché siamo uniti e compatti verso lo stesso obbiettivo. Il Movimento 5 Stelle trova difficoltà a essere riconosciuto dalle leggi attuali perché la sua struttura e organizzazione è molto più innovativa e avanzata di quelle regolamentate dai codici. Proprio per questo il nostro caso è destinato a fare giurisprudenza", dice Grillo. "Il nostro obbiettivo è tutelare il Movimento 5 Stelle, tutelare i suoi principi, tutelare gli iscritti e garantire loro il rispetto delle regole dell'appartenenza alla comunità, dell'indirizzo politico del Movimento e di candidatura alle cariche elettive - prosegue - Grazie ancora alle decine di migliaia di iscritti che hanno votato e ai milioni di persone che ci sostengono. Andiamo avanti per governare e rendere migliore questo Paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emigratoinfelix

    29 Ottobre 2016 - 12:12

    per CIRO DI MAIO:in primis,non capisco e non accetto le offese,si comporti da persona minimamente educata e non da insetto umano e politico;secondo:io vivo a oltre ventanni elavoro in un Paese difficile come l'Argentina,e sono acerrimo avversario di tutti i governi,compreso quest'ultimo del pinocchio toscano,responsabili del disastro,ma i grillini rischian di essere ancora peggio,non siate illusi

    Report

    Rispondi

  • lattaro1939

    29 Ottobre 2016 - 11:11

    Bravo Grillo Io intanto sono decisamente convinto per il NO

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    29 Ottobre 2016 - 07:07

    ecco conclamata l'illegalita',il contravvenire a quanto stabilito dai codici per legge.Votazioni online il cui risultato sara' pure plebiscitario ma impossibile da riconoscere come valido legalmente.Piu' che far testo per i giuristi,questi demagoghi sarebbero ottimo oggetto di studio per psichiatri.Ed oltretutto,come ampiamente dimostrato,vedi roma,sono degli incapaci cronici.

    Report

    Rispondi