Cerca

Altissima tensione

PiazzaPulita, duello tra Boschi e Formigli: lui provoca, lei non cade nella trappola

Maria Elena Boschi e Corrado Formigli

Un duello tesissimo, andato in onda a PiazzaPulita su La7. Un duello tra Maria Elena Boschi e Corrado Formigli. Un'intervista che in gran parte ha riguardato il referendum e in cui la ministra ha ribattuto colpo su colpo all'assedio del conduttore, che pur senza mai essersi sbilanciato pubblicamente è stato "arruolato" dal fronte del no.

Le prime scintille scattano quando Formigli chiede alla Boschi se, in caso di vittoria del "No", Matteo Renzi si dimetterà. La ministra replica: "Ci avete sempre rimproverato di aver personalizzato il referendum, e allora stiamo sul merito, andiamo nel merito. Parliamo di questo, di come la riforma cambia l'Italia". Formigli ci riprova, ottiene la stessa risposta e sbotta: "Mi dica se Renzi si dimette sì o no". La Boschi, però, non arretra e costringe Formigli a restare senza risposta.

Dunque, il ministro spiega che "la riforma costituzionale è un passaggio fondamentale per darci strumenti efficienti per affrontare tutte le sfide che abbiamo davanti, ma non è la panacea di tutti i mali. Se vince il No le cose non cambiano e non possiamo migliorarle". La Boschi, però, non si sbilancia sulla possibilità che ci siano attacchi speculativi in caso di vittoria del No.

Ed è poi sui sondaggi che il duello, già teso, si riaccende. Quando Formigli ricorda alla Boschi che i sondaggi danno il No in vantaggio e in ascesa, la Boschi risponde: "Non credo che i sondaggi siano affidabili al 100%". Poi ricorda esempi, italiani e non, in cui le rilevazioni hanno fallito. Tranchant Formigli: "Dunque lei non crede ai sondaggi?". Ma nemmeno in questo caso la Boschi lo degna di una risposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • andresboli

    04 Novembre 2016 - 14:02

    da come vi arrampicate sugli specchi, mi sembra di capire, che non avete gradito l'ottima prestazione televisiva della boschi.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    04 Novembre 2016 - 13:01

    Da anni il parlamento italiano è frequentato da politici impreparati, ignoranti, spocchiosi, chiassosi, che si esprimono a suon di luoghi comuni e squallide demagogie. Questo permette alla Boschi, che è una ragazza normalissima, ma meticolosamente preparata sugli argomenti per i quali è chiamata a rispondere, di eccellere e di far collezionare ai suoi interlocutori grandi figure di merda.

    Report

    Rispondi

  • gianchi0655

    04 Novembre 2016 - 13:01

    Questo articolo trasuda di simpatia per la Boschi e per il Sì. Se Formigli è stato arruolato dal fronte del No non vi è dubbio che voi avete venduto anmia a Renzi

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    04 Novembre 2016 - 11:11

    In caso di vincita del no ( che è un no sulla riforma) non cambia niente, quindi il governo deve proseguire. Chi insiste sulle dimissioni è squallido e opportunista: mors tua vita mea. E basta con questi giochini!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog