Cerca

referendum

Ennio Doris: "Vi dico cosa succede dopo il 4 dicembre"

Ennio Doris: "Vi dico cosa succede dopo il 4 dicembre"

Ennio Doris, il fondatore di Banca Mediolanum da tutti considerato "il banchiere di Berlusconi" (il quale ha il 30% delle quote della sua banca), non scopre le carte su dove metterà la croce il prossimo 4 dicembre. "Il mio ruolo impone che io resti neutrale al riguardo" spiega in una intervista al quotidiano Il Giorno nella quale peraltro svela apertamente che il presidente di Mediaset fedele Confalonieri sceglierà il sì.

Ma sul Corriere della Sera tratteggia quali potranno essere le conseguenze in caso di vittoria del "sì" o del "no". Da banchiere garantisce ai clienti che, "vinca il Sì o vinca il No, non ci saranno effetti catastrofici: se prevarrà il Sì gli investimenti si sbloccheranno presto, perché sarà percepita la stabilità. Altrimenti servirà più tempo per capire quali equilibri politici si troveranno a Roma. Anche se a Madrid l' economia è andata bene nonostante per mesi non ci sia stato un governo. Ma credo anche che ogni situazione di ribasso sia un' occasione per investire". Certo, prosegue, servirebbe un clima politico diverso, quel clima che il patto del Nazareno a suo giudizio stava producendo: "Il dialogo tra Berlusconi e Renzi era una storia positiva per il Paese, aveva cambiato la visione dei rapporti tra leader di schieramenti diversi, non più nemici ma avversari, pronti a collaborare nell' interesse nazionale. Peccato ci sia stata la rottura".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vittorioulisse

    05 Novembre 2016 - 17:05

    Peccato che ai due personaggi interessasse poco la collaborazione per un bene comune, quanto invece la tutela dei reciproci interessi personali e ... forse di partito!

    Report

    Rispondi

    • lulial

      06 Novembre 2016 - 09:09

      Non conosce bene il persinaggio.

      Report

      Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    05 Novembre 2016 - 16:04

    Ecco un altro dei grandi amici di Berlusconi che se ne frega dei suoi diktat e vota sì. A questo punto mi chiedo: di quale partito sarebbe leader Berlusconi? Del partito "ognuno per sè"? E perché dovremmo rimandare in parlamento a (non) rappresentarci gentaglia simile? Quanti altri alfano, quanti altri verdini dovremo vedere?

    Report

    Rispondi

  • begeca

    05 Novembre 2016 - 13:01

    supponendo che vinca il SI adesso va bene che Governa RENZI però cosa succede nel 2018 alle elezioni se vince Grillo

    Report

    Rispondi

blog