Cerca

Duello rusticano

Matteo Renzi risponde a Pier Luigi Bersani: "Sei un fallito"

Pierluigi Bersani e Matteo Renzi

Chiusa la Leopolda, continua la guerra. Dopo le grida "fuori fuori" della folla renziana - contro Bersani, D'Alema & Co - è stato proprio Pierluigi Bersani ad attaccare il premier: "Provo grande amarezza, perché vedo un partito che sta camminando largamente su due gambe: arroganza e sudditanza. E così non si va da nessuna parte". Parole che arrivano in un contesto tesissimo, in un Pd dove il fatto che Renzi abbia "concesso" la rivolta della folla - al contrario sedata, il giorno precedente, da Maria Elena Boschi - sta scaldando il dibattito: in molti tra i democrat, infatti, rimproverano al premier di non aver zittito i contestatori. Il concetto è chiaro: la minoranza è pur sempre Pd, e Renzi avrebbe dovuto prendere le distanze dai cori, e farlo sul palco.

Così, Bersani ha rincarato: "Ci vuole libertà, responsabilità, autonomia, democrazia, schiena dritta. Non arroganza e non sudditanza. Non mi interessano i tifosi leopoldini che urlano fuori, fuori, fuori, ma tutti gli altri che stanno zitti. I leopoldini possono risparmiarsi il fiato, vanno già fuori parte dei nostri. Io sto cercando di tenerli dentro, ma se il segretario dice fuori fuori bisognerà rassegnarsi". Parole chiarissime, quelle del presunto smacchiatore di giaguari. Parole che non fanno recedere di un millimetro Renzi, che anzi rilancia. "Il nostro obiettivo - ha dichiarato il premier - non è andare contro qualcuno ma fare una battaglia nell'interesse dei nostri figli e pensiamo che una parte dei dirigenti del passato si sia occupata molto di se stessa e delle poltrone e meno dei nostri figli e nipoti. Ma noi facciamo politica per loro".

Dunque, parlando anche del referendum del 4 dicembre, l'attacco di Renzi sale d'intensità: "Hanno fallito e dimostrato la loro scarsa capacità. Ma perché l'Italia deve avere un sistema in cui non solo non ce la fai, ma poi fai di tutto perché quello che viene dopo di te fallisca anche lui in modo tale che si rimanga nella palude e nel pantano? Si pensi all'interesse del Paese: io mi auguro che quello che viene dopo di me faccia meglio di me. Siamo l'Italia, perché dobbiamo giocare alla meno". E ancora: "In questo momento sono tutti contro di noi, con le unghie e con i denti, ma non stanno difendendo la democrazia, stanno difendendo i loro privilegi", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    08 Novembre 2016 - 18:06

    Davanti alla boria,all'alterigia,all'arroganza del Ducetto di Rignano,giuro,mi sta diventando simpatico e votabile,persino Pierluigi. Francori2012

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    08 Novembre 2016 - 13:01

    Molto meglio per voi postare i commenti dove v'insutano definendovi un giornaletto,che i miei dove certifico coerentemente l'ipocresia di Bersani!

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    07 Novembre 2016 - 19:07

    Renzi dovrebbe smettere di dire castronerie.....è solo un massone che vorrebbe imitare quel farabutto di MONTI !

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    07 Novembre 2016 - 19:07

    Che D'Alema sia antipatico,è risaputo.Su Bersani non potrei dire cose meravigliose,ma nemmeno brutte.E' tutta gente che non ho mai votato e mai voterò.Salvo che non abbia nessun altro da votare che Renzi. E' così odioso,arrogante,bugiardo e bombastico che perfino i primi due diventano votabili. Francori2012

    Report

    Rispondi

blog