Cerca

Trattativa infinita

Grillo ora scrive a Bersani:
"Rinuncia ai rimborsi elettorali,
più fatti meno parole"

Beppe Grillo

Beppe Grillo

La partita tra Pier Luigi Bersani e Beppe Grillo passa inevitabilmente dall'abolizione dei rimborsi elettorali. Quel finanziamento pubblico ai partiti che le forse politiche hanno sempre cercato di aggirare. Negli otto punti di Bersani proposti al leader del Movimento Cinque Stelle non c'è la rinuncia ai rimborsi elettorali. Così Grillo con un post sul suo blog prova a mettere con le spalle al muro il segretario del Pd.

La rinuncia ai rimborsi
- Con una lettera on line Grillo scrive: " Il MoVimento 5 Stelle rinuncia ai contributi pubblici, previsti dalle leggi in vigore, per le spese sostenute dai partiti e dai movimenti politici e non richiederà né i rimborsi per le spese elettorali, né i contributi per l'attività politica. Si tratta di 42.782.512,50 di euro che appartengono ai cittadini, anche in virtù di un referendum. Il M5S li rifiuta esattamente come per le elezioni amministrative. Le spese per la campagna elettorale sono state integralmente sostenute grazie ai contributi volontari raccolti e verranno comunque rendicontate. Il MoVimento 5 Stelle, anche tramite i propri eletti, svolgerà ogni azione diretta ad assicurare che i contributi ad esso spettanti non vengano erogati ad altre forze politiche, ma trattenuti all'Erario".

Appello e lettera a Bersani - Questo il preambolo. Poi Grillo va giù duro e parla direttamente a Bersani: "Il mio auspicio è che tutte le forze politiche seguano il nostro esempio, in particolare il pdmenoelle al quale spetta la quota più rilevante: oltre 45 milioni di euro (al pdl "solo" 38). Non è necessaria una legge, è sufficiente che Bersani dichiari su carta intestata, come ha fatto il M5S, la volontà di rifiutare i rimborsi elettorali con una firma. Per facilitare il compito ho preparato il documento che Bersani può firmare per ufficializzare il rifiuto. Bersani, firma qui! Meno parole e più fatti. Invita su Twitter Bersani a firmare il documento per rifiutare i rimborsi elettorali e lasciare 48.856.037,50 di euro nelle casse dello Stato". Quello di Grillo è un vero e proprio appello. Una lettera aperta a Bersani. Ora il segretario del Pd dovrebbe decicedere se accettare o meno le condizioni di Beppe. Su questo punto passa tutta la trattativa tra Pd e 5 Stelle per un'intesa seppur minima in parlamento. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlos22

    13 Marzo 2013 - 10:10

    vorrei rispondere a certe persone che vorrebbero che grillo mandasse tutti a casa...ma chi è Grillo uno che di condanne definitive ne ha moltissime ed è per questo che nessuno lo voleva più come comico in tv, ma lui continua a fare il comico e il padrone con il M5S.

    Report

    Rispondi

  • Phidry Hiellie

    13 Marzo 2013 - 07:07

    .....per bene, sta lì la fregatura, e desso dovete pagare il pesantissimo conto: per 70 anni Vi anno fatto credere che l' Italia era una Democrazia! Falso !! Il sistema politico italiano, sostenuto dalla costituzione, ha generato il bubbone mafioso che ci troviamo a dover estirpare oggi. Impossibile ormai !!!!! Il sistema dei partiti è un vero commitato d'affari con infiltrazioni nelle istituzioni. La vera Democrazia è il presidenzialismo, Quirinale scelto dal Popolo Sovrano, tutto il resto è truffa ai danni dei cittadini !!!!

    Report

    Rispondi

  • brunicione

    12 Marzo 2013 - 08:08

    I partiti, nessuno escluso, per vent'anni non hanno voluto ascoltare i cittadini, si sono sempre autoincensurati, hanno fatto finta di litigare, di riappacificarsi, di lottare, di legiferare, ma nessuno ha ascoltato le gente, con i loro problemi, con le loro difficoltà, con le loro esigenze e con le loro richieste. Ora il paese è alla fame e loro sono tutti ricchi e pieni di soldi. Grillo,..grazie di esistere

    Report

    Rispondi

  • AlfioMuschio

    11 Marzo 2013 - 18:06

    è come manna dal cielo, ci permetterà di mandare a casa tutti per davvero, il sogno si sta realizzando. Solo il Baronedel carretto pensa che Grillo possa scomparire, ma non si è accorto che stanno scomparendo i suoi amici del PDL e del PD, che ormai sono acciaccati e circondati. Questa della lettera da firmare, mette Bersani e il PD al muro, se non firma e si torna alle elezioni Grillo si prende la maggioranza assoluta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog