Cerca

Rottura nel centrodestra

Faida Lega-Forza Italia: tutte le giunte a rischio

24
Faida Lega-Forza Italia: tutte le giunte a rischio

Venezia, Rovigo, Cologno Monzese, Voghera. Dopo Padova, dove il sindaco leghista Massimo Bitonci è stato sfiduciato da Forza Italia, sono a rischio altre giunte in Veneto, Friuli, Liguria, Lombardia, Piemonte, nei Comuni governati dal ticket Lega-Fi. La prima scossa, riporta il Corriere della Sera, si è sentita forte a Cologno Monzese dove si è dimesso il vicesindaco azzurro Gianfranco Cerioli, in polemica col primo cittadino lumbard Angelo Rocchi. 

A Venezia il clima è tesissimo. Matteo Salvini si è detto pronto a far dimettere tutti i suoi assessori se il sindaco Luigi Brugnaro, di Forza Italia, voterà Sì al referendum: "Mi dispiace se Salvini è arrabbiato, ma credo non ci siano i motivi per minacciare conseguenze sulla giunta a Venezia per quella che è una mia posizione personale sul referendum costituzionale", si è difeso il primo cittadino: "Mi spiacerebbe che le cose venissero complicate dalla partigianeria partitica. Io sono un uomo libero".

E il sindaco lumbard di Rovigo Massimo Bergamin commenta:"Farò la fine di Massimo Bitonci forse già questa settimana? Mah... Anch' io ho sentito i rumors della piazza. Pure qui, come a Padova, i consiglieri di Forza Italia che sono in maggioranza si potrebbero dimettere per farmi cadere. Ma perché? A Rovigo siedono nelle partecipate, hanno già il vicesindaco", forse, azzarda è il Pd a volere "lo strappo".

Trema anche l'ex sindaco di Voghera (ora commissariata), Carlo Barbieri, di Forza Italia. A fine gennaio andrà al ballottaggio col Pd. Ma la Lega potrebbe vendicarsi di Padova lasciandolo da solo alle urne.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Piranhaottavo

    15 Novembre 2016 - 10:10

    - E' troppo SERENO Silvio Berlusconi, non riesce più a tenere nemmeno le iniziative impulsive dei consiglieri veneti . . figuriamoci i neo consiglieri che gli marciano contro ( come Confalonieri in accordo con Verdini & Renzi ) , lasciando in panchina il fido - stratega Gianni Letta ! l’implosione che ne fluisce dà una fotografia che sbilancia l’elettorato, contrastato dalle revoche già concor

    Report

    Rispondi

  • Chry

    15 Novembre 2016 - 10:10

    Ma non so era il popolo delle libertà ???

    Report

    Rispondi

  • nick2

    15 Novembre 2016 - 09:09

    Oh, bananas, ricordate i tempi in cui vi arrampicavate sui vetri per difendere, contro ogni logica il vostro statista puttaniere? Adesso lo mollate e osannate Salvini che “la pensa allo stesso modo del sig. Gigi della strada”. COGLIONI! Dice quello che i poveracci come voi vogliono sentirsi dire. Lui prende 20 mila euro al mese dall’Europa e ama i clandestini, che gli permettono di esistere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media