Cerca

O con me o contro di me

Parisi asfalta un pezzo di Forza Italia: la minaccia definitiva (e inedita)

Parisi asfalta un pezzo di Forza Italia: la minaccia definitiva (e inedita)

Lo strappo all'interno del centrodestra sembra sempre più vicino. Di certo i toni non sono più sereni dopo la manifestazione a sostegno del No al referendum organizzata dalla Lega nord sabato scorso a Firenze, quando Matteo Salvini si è in qualche modo candidato a guidare la coalizione. Una fuga in avanti che ha scatenato anche un moderato come Stefano Parisi, il manager indicato da Silvio Berlusconi come suo possibile erede alla guida di Forza Italia e di un'alleanza sempre più precaria con gli altri partiti di centrodestra.

Che Parisi si fosse più volte dichiarato lontano dalle posizioni della Lega non è una novità delle ultime 48 ore. Quel che magari è mancata finora è stata la chiarezza delle posizioni, soprattutto sul fronte di Forza Italia. Un tirare a campare per amore delle alleanze strette nelle varie amministrazioni locali che a Parisi non va più bene. Al Corriere della sera, il manager sembra essersi stancato di aspettare che qualcuno gli riconosca la leadership: "Io vado avanti comunque. Il centrodestra e il Paese - ha spiegato - vanno guidati da una leadership consapevole e capace, con idee chiare e progetti concreti per ricostruire il Paese, che non sappia solo vincere, ma che sia in grado poi di governare".

È un punto di non ritorno quello segnato da Parisi con le parole rilasciate al quotidiano di via Solferino. Secondo lui da ora in poi ci sono due vie da seguire, o con lui o con Salvini: "Chi vuol esserci è il benvenuto - ha detto - chi vuole andare con Salvini faccia pure. Più chiarezza c'è, meglio è".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    14 Novembre 2016 - 23:11

    Proprio da capire cosa rappresenti la figura di Parisi! Non è un cattivo elemento, credo sia pure bravo come manager, ma se Silviotto sperava che i cani randagi e feroci di Farsa Itaglia gli lasciassero l' osso....beh....si sbagliava alla grande !!! Farsa Itaglia, fine di un sogno di plastica...... Che goduria.......

    Report

    Rispondi

  • biemme

    14 Novembre 2016 - 19:07

    con Parisi Berlusconi chiude in bellezza. Ma almeno una volta avesse azzeccato un candidato giusto.

    Report

    Rispondi

  • VEPA53

    14 Novembre 2016 - 18:06

    Parisi ? che roba è .

    Report

    Rispondi

  • mab

    14 Novembre 2016 - 17:05

    Ma dove pensa di arrivare questo ragioniere triste del catasto?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog