Cerca

Il debito

Appendino, quel grosso guaio milionario: Chiara trema per un pasticcio di Fassino

Appendino, quel grosso guaio milionario. Chiara trema per un pasticcio di Fassino

La soluzione per risolverlo non l' ha ancora trovata, ma la clessidra sta avanzando inesorabilmente e non offre vie di uscita. Chiara Appendino, il sindaco di Torino, ha un problemino non da poco: vale 75 milioni di euro. Sono i soldi che Comune e Città metropolitana debbono restituire ad Anas, dopo che il consiglio di Stato ha bocciato la vendita della quota di maggioranza pubblica della Sitaf. La bocciatura derivava da un ricorso degli azionisti privati, in testa il gruppo Gavio, che avrebbe voluto essere in gara per prendere quella quota, se l' allora sindaco di Torino, Piero Fassino, non avesse deciso di venderla ad Anas a trattativa diretta. Il compratore a cui ora bisogna restituire i soldi in realtà ha presentato un suo contro ricorso, a cui si oppongono gli stessi privati. Ma il contratto è nullo e quei 75 milioni debbono essere retrocessi. Il problema è che lei quei soldi non li ha, perché Comune e città metropolitana se li sono già spesi per altre esigenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberto2312

    15 Novembre 2016 - 13:01

    I soliti casini combinati dai "grandi" amministratori della sinistra.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    15 Novembre 2016 - 12:12

    Non è colpa di Appendino!!!

    Report

    Rispondi

blog