Cerca

Caso diplomatico

La gaffe planetaria di Renzi: sulla lettera di Palazzo Chigi mette Gerusalemme in Palestina

La gaffe planetaria di Renzi: sulla lettera di Palazzo Chigi mette Gerusalemme in Palestina

Sono un caso le lettere che Matteo Renzi sta spedendo in questi giorni agli italiani all'estero per convincerli a votare sì al referendum. Ma ecco che scoppia un caso nel caso: le lettere che da Palazzo Chigi sono state scritte agli italiani residenti a Gerusalemme. Che come tutti sanno è la capitale di Israele, sede del Parlamento israeliano, la Knesset. Ma non per i funzionari di Palazzo Chigi. Che, non si sa se perchè filo-palestinesi o perchè invece ispirati da qualche recente lettura biblica, Gerusalemme l'hanno messa in Palestina. Come nella lettera che si vede nella foto a corredo di questo articolo. Una figuraccia clamorosa che rischia seriamente di innescare una crisi diplomatica tra Italia e Israele. Perchè da quelle parti di senso dell'umorismo, su questa questione, non ne hanno molto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MatteoDagostino

    15 Novembre 2016 - 10:10

    la capitale di israele sarà gerusalemme, ma si dovrà riconoscere anche che gerusalemme est non fa parte dello stato di israele. questa è la legge internazionale che dichiara gerusalemme est è illegalmente occupata, ed è parte del territorio palestinese. solo che gli israeliani e tutti gli ebrei che sono dalla loro parte intendono dispossessare i palestinesi di tutto ciò che appartiene a loro.

    Report

    Rispondi

  • Claudio77

    15 Novembre 2016 - 07:07

    E' facile bollare come ignorante chi non ci piace. Che dire di quello che si candida alla guida del centro destra, 16 anni iscritto all'università, 12 fuori corso senza riuscire ad ottenere la laurea? Siamo tutti ignoranti e averne la consapevolezza è il primo passo per esserlo un po' di meno.

    Report

    Rispondi

  • claudioarmc

    15 Novembre 2016 - 06:06

    Quandi si dice una manica di pirla

    Report

    Rispondi

  • digiovanni

    15 Novembre 2016 - 01:01

    Ma perché le lettere partono da Palazzo Chigi se il PD per giustificarle sostiene che sono a carico del partito? Perché non partono dalla sede del PD? Le spese di queste lettere a chi fanno carico al PD o al Presidente del Consiglio? Perché sarebbe gravissimo se fossero a carico dell'erario. Perché si potrebbe configurare un reato di distrazione di fondi: peculato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog