Cerca

La verità di Noto

Occhio cambia tutto? La profezia del sondaggista. Chi ribalterà il referendum

Occhio cambia tutto? La profezia del sondaggista. Chi ribalterà il referendum

Saranno i prossimi 15 giorni a determinare l'esito del referendum costituzionale del 4 dicembre. Ne è sicuro il sondaggista di Ipr Marketing, Antonio Noto, che ricorda quanto possa ancora spostare gli equilibri tra il Sì e il No quel "20% di elettorato che non ha ancora deciso cosa votare e, soprattutto, se andare a votare".

Nel corso dell'ultimo mese, le rilevazioni sull'orientamento di voto sono rimaste stabili con il No sostanzialmente in vantaggio sul Sì. Situazione fotografata anche oggi, ultimo giorno utile per poter diffondere i risultati dei sondaggi, quando gli elettori contrati alla riforma si attestano al "52,5% mentre il Sì - ha aggiunto Noto - è al 47%".

Sono stati pochi gli argomenti di questa campagna elettorale che hanno influenzato gli elettori. Secondo Noto, uno su tutto è stato: "la questione di Equitalia, l'annuncio dell'ente più inviso dagli italiani. Ma anche lì, l'entusiasmo è durato poco. Appena ha cominciato a insinuarsi il dubbio che non si trattasse davvero di una cancellazione, ma di qualcosa di più sfumato, ecco che i No hanno ricominciato subito a riprendere quota".

Gli elettori del No si concentrato per ora soprattutto al Sud, stando ai dati di Ipr Marketing, con una quota di elettorato pari al 56%. Guardando all'Italia nel suo complesso, la bocciatura alla riforma trova ampio consenso tra i giovani sotto i 34 anni, a differenza degli over 50 più convinti a votare Sì.

L'opinione degli elettori è comunque netta davanti all'ipotesi delle dimissioni di Matteo Renzi in caso di sconfitta. Per il 55% il presidente del Consiglio dovrebbe lasciare Palazzo Chigi, contro il 40% che invece lo vorrebbe ancora lì al suo posto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    19 Novembre 2016 - 10:10

    Renzi, sul referendum ci ha messo la faccia, che equivale a dire il culo. Per questo, quando i NO vinceranno a valanga, dovrà fare una sola cosa: SPARIRE.

    Report

    Rispondi

  • sebastiano.cubeddu

    18 Novembre 2016 - 19:07

    Caro nellomaceo ricordati che chi va a votare e sopratutto il popolo dei grillini e della lega e della sinistra dissidente; ti assicuro che la maggioranza delle persone è decisa ad andare a votare NO sopratutto contro quel buffone e ballista di Renzie, che promette denari a destra e a manca, ponti sullo stretto e ricchezza per tutti. Dio mio come siamo caduti in basso. Italia svegliati..........

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    18 Novembre 2016 - 17:05

    Penso che vincerà il SI. Io sono di centro-destra ma votero`SI per evitare di avere alla Presidenza del Consiglio un Grillino o roba del tipo Franceschini-Grasso.

    Report

    Rispondi

    • rossini1904

      19 Novembre 2016 - 10:10

      Caro Happy1937, anch'io sono di centro-destra ma voterò NO. Chiunque è meglio di questo Pinocchio fiorentino e della sua corte di nani e ballerine. Al ricatto del chi verrà dopo, non ci sto. E' troppo comodo. Dopo il referendum dirò come Rossella O'Hara in Via col Vento: domani è un altro giorno.

      Report

      Rispondi

  • nellomaceo

    18 Novembre 2016 - 15:03

    Io sono convinto che al referendum il SI vinca.Non sono un poltico e ne uno schierato,ma questa elezione del referendum assomiglia alla BREXIT e al voto americano presidenziale.Infatti ormai è appurato che meglio essere svantaggiati nei Media per vincere nelle elezioni. Ricordatevi che ill popolo di DESTRA in maggioranza non va a votare il referendum e questo sarà determinante.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog