Cerca

Tricolore e brividi

Giulio Tremonti: "Spread peggio che nel 2011, per l'Italia sarà una catastrofe"

Giulio Tremonti

Alla vigilia del referendum Bankitalia suona l'allarme: in caso di vittoria del "No" al referendum, secondo Palazzo Koch le conseguenze potrebbero essere pesanti. Si parla di spread e dintorni, e chi della questione è più esperto se non Giulio Tremonti? In pochi. Già, perché l'ex ministro dell'Economia, tra 2010 e 2011, aveva vissuto da via XX Settembre l'incubo della vendetta dei mercati. E ora, interpellato dal Corriere della Sera sugli scenari post-referendari, circa la ventilata instabilità finanziaria mostra di avere idee differenti: "La capacità delle banche centrali di interpretare la realtà politica tende da ultimo verso il basso", spiega. E se non fosse chiaro, quando gli viene chiesto se è sbagliato pensare che una vittoria del No agiterà i mercati, Tremonti risponde tranchant: "Mi risulta l'opposto. Se Matteo Renzi resta con il dissesto finanziario che ha creato, con le promesse fatte, con le difficoltà che avrebbe a tornare indietro, a non essere se stesso, il rischio vero è proprio che resti. Con Renzi si stabilizza il rischio". Per Tremonti, dunque, meglio la "cacciata" del premier.

Parlando di deficit, diktat europei e manovra, l'ex ministro utilizza toni durissimi: "Le coperture sono una tantum, o una pocum. Dove sarebbe lo spread - chiede retorico - se non ci fossero gli interventi della Bce? Drammaticamente peggio che nell'autunno 2011, ben oltre i 500 punti. Se la Banca d'Italia facesse come allora una simulazione su questo punto, la saremmo tutti grati". Per Tremonti, dunque, la situazione attuale è peggiore rispetto a quella che affrontò un lustro fa. L'ex ministro conclude sottolineando come, a suo parere, "il governo si è sviluppato per tre anni in assenza di realtà - tassi zero, soldi gratis - ma la realtà torna con la durezza del tempo di ferro che arriva. Che vinca il Sì o il No. Non è solo questione di referendum o di strategie di palazzo, ma di realtà che torna e chiede gli interessi. Su questo scenario necessario - conclude apocalittico - uomini e idee sono tutti da identificare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JamesCook

    19 Novembre 2016 - 14:02

    Questo parla ancora , dopo averci rovinato firmando delle cambiali in bianco alla Merkel , lui e il suo mentore Berlusconi hanno pensato bene di tagliare la corda!!! inventandosi non so quale complotto! è proprio vero come diceva mio nonno che la merda quando sale sullo scranno o puzza o fa danno!

    Report

    Rispondi

  • dom67

    19 Novembre 2016 - 14:02

    Parla Tremonti, parla la massoneria

    Report

    Rispondi

  • nem0nominis

    19 Novembre 2016 - 14:02

    Ricordatevi che Renzi e quelli come lui hanno amministrato così bene MPS, Banca Etruria, etc. Ma cosa vi aspettate da dei saltafossi come loro?

    Report

    Rispondi

  • yorkshire22

    19 Novembre 2016 - 13:01

    Stiamo andando diritti diritti verso un Monti 02. Se non viene tolta di mezzo la nuova DC, ribattezzata ora PD, con le sue elargizioni elettorali ai vari De Luca e boss neocamorristi, siamo morti. Per noi non ci sarà nessuna ONLUS che ci sfami, quelle sono riservate agli afroislamici.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog