Cerca

Cialtroni pentastellati

M5s, firme false. Il testimone: "Anche alle Comunali del 2012"

Beppe Grillo

Non ci sarebbero soltanto le firme false ricopiate a Palermo. Ora lo scandalo si allarga alle Comunali del 2012: nelle liste elettorali, infatti, sono stati inseriti nomi che non dovevano esserci. Altre presunte firme false, dunque, questa volta per le elezioni amministrative. E' quanto sostengono delle fonti citate da Repubblica, secondo le quali alcuni dei nomi presenti erano stati presi dagli elenchi di chi firmò per il referendum sulla privatizzazione dell'acqua, che ovviamente non aveva nulla a che spartire con le liste per le amministrative, che si sono tenute l'anno successivo. Il caso, dunque, si allarga. Sempre a Repubblica, un avvocato conferma: "Ricordo con certezza di avere firmato per il quesito sull'acqua pubblica, non per le comunali".

"La firmopoli siciliana si allarga di giorno in giorno e fa emergere contorni di una gravità sempre più evidente. Ma i vertici del Movimento 5 stelle continuano a sminuire" il caso. Così il senatore del Pd Francesco Scalia sull'inchiesta delle firme false a Palermo. "Di fronte alle nuove ammissioni degli attivisti siciliani, che ammettono le responsabilità sul metodo illegale di raccolta firme, false, copiate o clonate che siano, i vertici pentastellati, che sapevano e hanno taciuto non possono più balbettare. Hanno il dovere di fare chiarezza. Attendiamo fiduciosi. Ma non troppo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GiangiPoli

    21 Novembre 2016 - 15:03

    LA tattica dei pentastellati è la stessa del marito infedele nei confronti della moglie cornuta: "Negare sempre tutto, anche l'evidenza".

    Report

    Rispondi

  • iosonio

    21 Novembre 2016 - 14:02

    a quanto pare Libero si è schieratoora da un po c'è un certo accanimento senza conferme, quello che nn succede sul PD nonostante notizie certe

    Report

    Rispondi

blog