Cerca

Pontieri e poltrone

Pd e Movimento 5 Stelle, prove tecniche di inciucio

Presidenza della Camera, Copasir e Vigilanza Rai: i grillini hanno fame dei posti che contano. E i democratici sono disposti a cederglieli

Pd e Movimento 5 Stelle, prove tecniche di inciucio

di Brunella Bolloli 

Poltrone in cambio di un via libera per governare. In ballo la presidenza della Camera, i vice sia a Montecitorio che a Palazzo Madama, almeno un questore, più commissioni di peso tra cui, si dice, Copasir e Vigilanza Rai. Valzer di incarichi ai piani alti del palazzo tra Pd e Movimento Cinquestelle. Tu chiamalo, se vuoi, il grande gioco della casta, o anche prove tecniche di inciucio, nonostante i ripetuti  niet di Beppe Grillo a qualunque forma di accordo e il ritornello: niente fiducia ai partiti. E a Silvio Berlusconi alle prese con i pm un consiglio: faccia come Craxi, si dia alla latitanza.   

L’antipasto dell’inciucione è andato in scena al Senato. Da una parte i tre ambasciatori inviati dal segretario Pd Bersani, Rosa Calipari, Luigi Zanda, Davide Zoggia; dall’altra una pattuglia di neoparlamentari M5S guidati dalla capogruppo alla Camera Roberta Lombardi e dal senatore Marco Scibona (assente Vito Crimi). Per non sbagliare i «cittadini» del M5S si sono presentati in una dozzina. Al termine del summit, una dichiarazione di Zanda non convince: «C’è stata una condivisione dell’obiettivo generale, quello di mettere in moto la macchina del Parlamento con le sue articolazioni. Un percorso lungo e nuovo». I grillini hanno chiesto la presidenza della Camera? «No», ha tagliato corto il senatore democratico. Ma, poco più tardi, in un video sul web, è la stessa Lombardi a sintetizzare ai colleghi l’esito dell’incontro. «Noi alla Camera siamo la prima forza politica», ha esordito, «quindi ci aspettiamo che il voto dei cittadini venga rispettato». Tradotto: quei ruoli ci spettano di diritto. Niente scherzi, compagni. I nomi dei prescelti saranno comunicati oggi (c’è una rosa che gira, tra cui la  25enne Marta Grande da Civitavecchia, laureata e “masterizzata” negli Usa, oltre al napoletano Roberto Fico e a un paio di piemontesi), intanto ci sono i criteri per la nomina dei presidenti. «Si devono trovare persone all’altezza dei ruoli istituzionali e la nostra proposta sarà all’altezza», ha dichiarato Lombardi. 


Leggi l'articolo integrale di Brunella Bolloli
su Libero in edicola oggi, mercoledì 13 marzo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valeriano.nani

    13 Marzo 2013 - 17:05

    mi piacerebbe vedere come va a finire nel pd. venite a reggio emilia a vedere come vanno purtroppo a finire le coop.

    Report

    Rispondi

  • mestruninu

    13 Marzo 2013 - 15:03

    I politici di centro destra devono imparare ad essere più cattivi di quelli del centro sinistra e avere giudici più cattivi per inc...re tutti i sinistrosi che rompono.

    Report

    Rispondi

  • mestruninu

    13 Marzo 2013 - 14:02

    se il prossimo presidente dello stato sarà di sinistra non voterò mai più.

    Report

    Rispondi

  • mestruninu

    13 Marzo 2013 - 14:02

    italiani se alle prossime elezioni votate ancora pd e m5s sieye proprio dei co....ni,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog