Cerca

Palazzo e spifferi

Antonio Razzi, le telefonate per cambiare l'esito del referendum

Lo Spiffero di Bechis: quella telefonata che può cambiare l'esito del referendum

Antonio Razzi da qualche giorno gira con una busta trasparente sotto il braccio e faldoni con nomi e indirizzi. È l'ambitissima lista degli elettori italiani all'estero che, chissà come, lui è riuscito a procurarsi marcando da quel momento stretto stretto Matteo Renzi e le sue lettere che hanno creato grande polemica.

Razzi ha un vantaggio in più: essendo stato eletto all'estero, conosce gran parte dei vertici delle comunità italiane. E dal suo ufficio in Senato li chiama uno a uno e fa campagna per votare NO al referendum. Che deve avere una sua efficacia, perché a metà novembre la comunità italiana riunita in una assemblea in Colombia l' ha chiamato per avere delucidazioni in viva voce.

Erano abbastanza orientati per il Sì, ma Antonio Razzi è riuscito a fare cambiare loro verso: «Ma l'avete capito», ha detto loro, «che nel nuovo Senato voi non avrete più rappresentanti? E anche alla Camera conterete come il due di picche, visto che potete votare per il primo turno, ma non è previsto che votiate per il ballottaggio...». Telefonate che possono cambiare le sorti del referendum.

di Franco Bechis
@FrancoBechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frarossi84

    22 Novembre 2016 - 10:10

    Forza Razzi dacci sotto.

    Report

    Rispondi

  • gcarlo19

    21 Novembre 2016 - 22:10

    Almeno questa volta ne fà una di buona!

    Report

    Rispondi

  • aaronrod

    21 Novembre 2016 - 21:09

    No dai Razzi, non fare sto scherzo di chiamare tutti per votare no. Tanto all' estero o non votano affatto o votano giá loro no. Se sono andati all' estero è perchè questo è diventato un Paese solo per migranti nullafacenti.

    Report

    Rispondi

blog