Cerca

Balle elettorali

Onorevoli grillini già pensano
di aumentarsi lo stipendio

Onorevoli grillini già pensano
di aumentarsi lo stipendio

 

di Luciano Capone

E all’improvviso spunta l’atto costitutivo dell’associazione “Movimento 5 Stelle” e si scopre che Beppe Grillo non è un semplice megafono. Colui che doveva essere solo il garante del movimento è in realtà il presidente dell’associazione e il proprietario del simbolo, del blog, in pratica di tutto il partito (vedi articolo a fianco). E tutto è stato fatto in barba alla tanto decantata democrazia diretta. In gran segreto Grillo Giuseppe detto Beppe il 18 dicembre scorso  si è recato a Cogoleto, vicino Genova, davanti al   notaio Filippo D’Amore, ha fondato l’associazione e si è nominato presidente della stessa. Il comico ha anche  nominato suo nipote Enrico vice-presidente e il commercialista Enrico Maria Nadasi segretario, secondo la tradizione del miglior nepotismo italiano. Grillo vuole combattere la casta seguendo i metodi di Antonio Di Pietro, che controllava la cassa dell’Italia dei valori con la moglie e la tesoriera (e poi sappiamo come è andata a finire).

La base grillina, in genere sempre pronta a difendere il  “caro megafono”   dagli attacchi dei pennivendoli di regime, non l’ha presa bene: «I giornalisti sono dei giornalai, ma a me scoccia dover sapere da un  “giornalaio”  che il movimento ha uno statuto depositato da mesi, che non è il “non-statuto” che tutti conosciamo. Chi lo sapeva? Grillo ha chiesto a qualcuno del movimento come redarlo, soprattutto per quanto riguarda gli obiettivi? Le persone di fiducia coinvolte sono il commercialista e suo nipote». 

Le polemiche sull’atto costitutivo si sono aggiunte a quelle sugli stipendi dei neo-parlamentari a 5 stelle. Beppe Grillo ha portato 163 persone in Parlamento gridando nelle piazze italiane che avrebbero guadagnato solo 2.500 euro al mese, una riduzione volontaria dello stipendio che i cittadini vorrebbero applicata a tutti i partiti, ma nella realtà le cose stanno diversamente: i grillini aggiungeranno all’indennità la diaria, rimborsi e benefit fino ad arrivare ad un totale di circa 11 mila euro mensili. Molto più vicini ai 14 mila euro dei normali parlamentari che ai 2.500 dei cittadini sbandierati in campagna elettorale. La base vuole che venga rivisto il regolamento, ma tra i neo-eletti che già chi si oppone: «Non siamo francescani».

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pincoPallino123

    08 Aprile 2013 - 12:12

    Ma scusate.... i politici che avete votato voi quanto prendono? Si ingozzano da anni senza mai aver preso un'iniziativa nel tagliarsi gli stipendi! Idioti e anche ciechi! Complimenti per la vostra ignoranza

    Report

    Rispondi

  • ProibidoJogarLi

    16 Marzo 2013 - 16:04

    è solo un rimpasto. anzi un ripopolamento della vasca degli squali. dovrebbero essere mandati in un campo di recupero

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    15 Marzo 2013 - 18:06

    indennità 2.500 (gli altri 5.000, unica differenza); + diaria 3.503; + Spese 3.690 (rimborso 50% a forfait 50% documentati); + Trasporti 1.331 (anche se viaggiano gratis su aere, navi, treni e gratis anche spettacoli, musei, ecc ); + Telefono 258. - Trattenute 1.310 ( 526 per costi sanitari e 784 "liquidazione" per fine mandato). E non li possono rifiutare. Certo, in Sicilia li hanno versati in un conto separato per usi sociali. Il fatto è che se li ritrovano nella dichiarazione dei redditi e su questi ci pagheranno le tasse. Vedremo quanto durera storia

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    15 Marzo 2013 - 17:05

    intanto sono 2500 più tutti i rimborsi spese documentabili. Farlo in ambito regionale è abbastanza semplice. Farlo per il Parlamento nazionale e vivere a Roma, cinque giorni la settimana, e decurtarli di tutte le spese relative e non riconducibili alle spese rimborsabili, sarà un'altra cosa. E quando si comincerà a sommarli alle spese rimborsabili che prevedono costi di segreteria, contatti con l'elettorato, incontri sul territorio; e poi convegni, consulenti, legali, giuristi, costituzionlaisti per lo strudio di leggi e provvedimenti a l ivello nazionale, non comunale o provinciale, tutti coloro che ora credono che ci costeranno (bravi grillini, loro sì che..) solo 2500 euro al mese, dovranno scontrarsi con la realtà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog