Cerca

I retroscena

L'idea di Napolitano: "congelare" la grana giustizia fino ad aprile per permettere il governissimo

L'idea di Napolitano: "congelare" la grana giustizia fino ad aprile per permettere il governissimo

L'aria di governissimo spira forte, tra i colli romani. E arriva soprattutto dal Quirinale: come noto, ormai da giorni il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sta brigando per convincere i partiti maggiori, in primis quello democratico, a mettere da parte divisioni e conflitti per pensare al "bene comune". Pd e Pdl (e Monti) insieme magari in un esecutivo tecnico, dunque, escludendo fatalmente il vincitore morale delle elezioni, il Movimento 5 Stelle, che paradossalmente è però il più forte anti-sistema presente in Parlamento. 

Tutto congelato fino a metà aprile - I segnali, in questo senso, sono molteplici. Al di là degli abboccamenti e del tira e molla tra Pd e 5 Stelle (Pierluigi Bersani insiste, ma probabilmente si ritroverà in un vicolo cieco) il messaggio inviato martedì al Csm da Napolitano ha alcuni passaggi cruciali. Il Colle fa riferimento alla "estrema importanza e delicatezza degli adempimenti istituzionali che stanno venendo a scadenza" e invita le toghe (ma il monito è anche alla politica) a "evitare tensioni destabilizzanti per il nostro sistema democratico". La partita tra Pd e Pdl si gioca su più piani: la scelta del successore di Napolitano, naturalmente (con Silvio Berlusconi che ha detto "basta a presidenti di sinistra"), ma in questo momento soprattutto la grana-giustizia. Secondo fonti vicine al Colle, l'obiettivo del presidente è quello di congelare la tenaglia giudiziaria sul Cavaliere fino a metà aprile, quando i giochi (presidenze delle Camere, Quirinale e Palazzo Chigi) saranno presumibilmente chiusi. Evitare "stalli" politici, dunque, e poi che la giustizia faccia il suo corso, "con equità".

Pd e Pdl più vicini - Il faccia a faccia tra Napolitano e Csm ha detto una cosa non così scontata: è legittima la preoccupazione del Pdl di voler "vedere tutelato il diritto di Berlusconi a restare in campo politico", senza essere estromesso dai processi Ruby, Mediaset e De Gregorio. E su questo punto, anche Bersani si adeguerà. Il timore condiviso del Pd, scrive Francesco Verderami sul Corsera, è che "salti tutto il sistema" nel momento cruciale: quello delle riforme e della ripartenza per la crescita. Certo, Bersani ha fatto buon viso a cattivo gioco, visto che la tentazione manettara sarebbe quella (cara anche ai grillini) di votare per l'incandidabilità di Berlusconi in parlamento, facendolo di fatto fuori politicamente. L'impressione è che la patata bollente della giustizia, anzichè allontanare i due rivali, li possa avvicinare (notevole il fatto che dopo la manifestazione azzurra al Tribunale di Milano non ci sia stato nessun commento particolarmente critico contro Angelino Alfano e colleghi, anche se lo stesso Napolitano martedì ha espresso "rammarico"). Con scorno di Grillo e del Movimento 5 Stelle, alla finestra (ma in fondo, è quel che vuole Beppe...). 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    14 Marzo 2013 - 13:01

    per prima cosa, Lei non conosce le regole, le Leggi che governano questo Stato. non c'è mai stato un golpe, il suo nano non aveva più un governo, era in minoranza. ma se ne andò prima di essere sfiduciato. ha capitò, il nano se ne andò, e per colpa della sua incompetenza. seconda cosa Napolitano non deve provare un tubo al popolo, IGNORANTE, è dentro al processo che si deve stabilire se le prose sono consistenti o meno. ed è proprio questo che il peggiore non vuole fare. infatti Lui si difende dai processi, non nei processi, come i migliori delinquenti (delinquente abituale secondo i magistrati italiani). ma cosa aspettarsi da una ignorante e fanatica come LEI? cosa aspettarsi da una trinariciuta che non sa neanche palazzo grazioli non è di proprietà del suo nano preferito ma che paga un affitto? povera topolina..

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    14 Marzo 2013 - 10:10

    caro berlusconiano, bisognerebbe scrivere il soggetto per rendere comprensibile il suo pensiero. se lei considera un irresponsabile il suo nano preferito ha ragione, finalmente. se si riferisce ad altri sbaglia ed è lei che non analizza i fatti, ma li stravolge.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    13 Marzo 2013 - 17:05

    deve dimostrare al popolo che ci sono tutte le prove per accusare Berlusconi,prove certe non farlocche come usano fare certi magistrati.Se non ci sono prove terminare immediatamente tutti questi processi farlocchi,se ci sono prove allora è giusto che paghi come tutti gli assolti anche con prove certe di sx.Napolitano tiri fuori le palle.Quando vuole fare quello che gli piace chissà perchè le palle le trova.Forza comunista fuori le palle.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    13 Marzo 2013 - 13:01

    ma de chè, analizza meglio cosa sta succendo per colpa di questo irresponsabile e tu gli corri pure dietro? Rifletti, rifletti....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog