Cerca

Il Cav a Radio 24

Berlusconi: "Renzi, come presentatore tv lo avrei assunto"

Berlusconi: "Renzi, come presentatore tv lo avrei assunto"

Un colpo al cerchio e uno alla botte. Una bastonata e poi una carota, o viceversa, ovviamente. Mai come in queste ultime settimane il rapporto di Silvio Berlusconi con Matteo Renzi è stato ondivago, a rispecchiare quello che è l'orientamento del Cavaliere nei confronti del No al referendum, con i vertici delle sue aziende che premono per il Sì e gli azzurri che spingono per il No. A parole, anche il leader di Forza Italia si è espresso nettamente per il No, ma... Oggi, dopo aver appena qualche giorno fa definito il premier "l'unico leader che vedo oggi in Italia", gli ha sferrato una battuta che fa tornare alla mente quella del "kapò" rivolta a Martin Schulz in quel del Parlamento europeo nel 2003. "Renzi? E' un gran lavoratore (carota, ndr)" ha concesso oggi Silvio ai microfoni di Ragio24. "Però (e qui impugna il bastone, ndr), ha sbagliato lavoro: doveva fare il conduttore televisivo e io l'avrei assunto sicuramente".

Renzi ha replicato a "Radio Anch'io" su Radio1: "Ho grande rispetto per Silvio Berlusconi. U giorno dice che sono un dittatore, un giorno che devo restare poi che me ne devo andare...è appassionante la discussione, ma non si vota su di me. Non capisco perché continua a pensare a me".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vilampu

    25 Novembre 2016 - 12:12

    SILVIO perché Renzi non lo hai assunto allora..quando sui presento' al quiz di Mike ci avresti risparmiato anti guai e rabbia

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    25 Novembre 2016 - 09:09

    allora sei stronzo e hai lamemoria corta sei tu che ha fatto di questo referndum un voto pro o contro te . mi convinco semore piu' che sei uno stupido idiota e non capisco perche' napolitano ti ha eletto primo ministro

    Report

    Rispondi

  • placidoolivieri

    24 Novembre 2016 - 19:07

    Sono la stessa, identica cosa. di cui l'ITALIA sarebbe ben felice di farne a meno.

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    24 Novembre 2016 - 14:02

    I due hanno molto in comune. Pieni di se stessi, certamente capaci di incantare gli italiani con le chiacchere. Per uno, pur avendo costruito molto nel suo privato, l'idillio con la maggioranza di chi l'ha votato è finito da un po'. Per l'altro, che per quel che si sa, non ha mai lavorato, speriamo finisca presto, prima che riesca a distruggerci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog