Cerca

Il rottamatore torna in campo

Pd, Renzi: "Io candidato premier se ci sono le giuste condizioni"

Il sindaco di Firenze a L'Espresso: "La legislatura non durerà molto, spero facciano la legge elettorale". E poi sarà di nuovo in pista, "nonostante Fioroni e senza di lui"

Pd, Renzi: "Io candidato premier se ci sono le giuste condizioni"

 

Matteo Renzi è pronto a candidarsi a premier, a patto che ve ne siano le condizioni. Intervistato da l'Espresso, il sindaco di Firenze getta il guanto di sfida al Pd, al segretario Pierluigi Bersani e a tutto il vertice democratico. La seconda discesa in campo del rottamatore, sconfitto da Bersani alle scorse primarie, si verificherebbe "se ci fossero le condizioni". Innanzitutto, se salta tutto. "Pensavo di sì. Da quando ho letto che anche Fioroni mi appoggerebbe mi è venuto qualche dubbio...", scherza Renzi, facendosi poi serio: "Mettiamola così: se ci fossero le condizioni ci starei, nonostante Fioroni. E senza Fioroni". Quel "senza Fioroni" non è dettaglio da poco: Renzi rialza la posta e dopo la rottamazione dei "vecchi", da D'Alema alla Bindi e Veltroni, ora chiede di più: vuole mano libera per ridisegnare il suo partito. Meno bersaniano, forse più grillino, ma senza inciuci con Grillo. Certo, ribadisce Renzi, "pieno sostegno a Bersani" e al suo tentativo di formare il governo con i 5 Stelle. Tentativo scontato, in quanto il Pd ha comunque l'onere di chi ha vinto (formalmente) le elezioni, e parole, quelle di Renzi, altrettanto scontate perché l'obiettivo non è uscire dai democratici, ma prendersi tutto il partito: "Sono rimasto nel Pd e con Bersani non solo perché sono leale alla Ditta, ma anche perché penso che per l'Italia sia utile avere due grandi partiti: non possiamo continuare con l'idea che ognuno si fa il suo partitino". 

"Legislatura corta" - Una cosa è certa, comunque: la legislatura non durerà a lungo. "Non mi sostituisco al Capo dello Stato. Credo che sarà una legislatura breve, mi auguro che almeno si riesca a scrivere una buona legge elettorale". Come sarà il Renzi premier? "Il mio modello è il sindaco d'Italia. Solo da noi il vincitore è oggetto di interpretazione: se alla Sistina si votasse con il Porcellum sarebbero eletti in quattro. E ora a venti giorni dal voto stiamo per infilarci nel rito nobile delle consultazioni. Ci mettono meno a fare il Papa che il presidente della Camera". 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolodml

    15 Marzo 2013 - 10:10

    certo Mario Draghi! a questo punto aboliamo governo e parlamento. facciamo un bello statuto con consiglio di amministrazione. niente ministri, solo consiglieri. io proporrei Passera, Profumo, Mussari, Caltagirone responsabile dell'edilizia (per rilanciarla) e Monti direttore commerciale con responsabilità nei rapporti esteri. e per i cittadini schiavitù abolita dopo i 75 anni.

    Report

    Rispondi

  • paolodml

    15 Marzo 2013 - 10:10

    ci vogliono politici collaudati? ma come si può escludere Renzi perché è giovane? rispetto tutte le opinioni ma i preconcetti li detesto. se uno mi dice renzi non va perché non condivido lo accetto. ma se si dice non va perchè non ha esperienza.......... ho visto dove ci hanno portato quelli con esperienza. politici sindacalisti etc..... tutti intorno a spolparsi la preda! ma scusate Kennedy, tony blair erano settantenni? al signore che ha fatto questo commento gli chiederei di riflettere o di continuare a votare La bindi o casini. loro si che sono collaudati.

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    14 Marzo 2013 - 20:08

    Nel PD chi non ha un curriculum adeguato, perde tempo caro Renzi. Tu le primarie le hai perse sonoramente, vattene, non ci interessi.

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    14 Marzo 2013 - 14:02

    Non si allarghi troppo Sig. Sindaco. Coi tempi che corrono, con le enormi difficoltà da affrontare, in campo nazionale ed internazionale, ci vuole ben altro che un giovanotto, seppur ambizioso, alle prime armi. Ci vuole gente collaudata all'altezza dell'arduo compito. La cui preparazione sia riconosciuta in ambito nazionale ed internazionale. Tra i politici non c'è nessuno, nè a sinistra, nè a destra. E poi i politici pensano troppo al consenso per le prossime elezioni. Ci vuole qualcuno che sia capace di guardare al lungo periodo. Monti, a mio parere, ha sbagliato a salire politica e si è preso solo il 10%. adesso non è più super partes, altrimenti poteva essere ancora lui. Un'altro? Draghi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog