Cerca

A gamba tesa

Juncker, bacio della morte a Renzi: "Spero che al referendum il No perda"

2
Juncker, bacio della morte a Renzi: "Spero che al referendum il No perda"

"Non so se sarei utile a Renzi dicendo che vorrei che vincesse il . Mi limito a dire che non vorrei vincesse il No". In una lunga intervista alla Stampa, il presidente della Commissione Europea Jean Claude  Juncker,entra a gamba tesa sul referendum e regala quello che Renato Brunetta ha già definito il "bacio della morte" al premier. Secondo Juncker il referendum costituzionale del 4 dicembre "è una questione essenziale per definire l'architettura istituzionale dell'Italia nei prossimi anni. Non voglio interferire in questo dibattito. Ma che l'Italia debba continuare un processo di riforme è una cosa ovvia. E che Renzi aggredisca i problemi dell'architettura istituzionale mi sembra una cosa buona", sostiene.

"L'Italia - prosegue Juncker - è una grande nazione e Renzi ha contribuito a questo. Bisogna ammetterlo. Vorrei che il Paese
ritrovasse il suo posto fra i grandi attori dell'Unione. L'Italia fa parte dell'Europa in modo essenziale. Se la perdessimo come
architetto, ispiratore, artigiano dell'Europa, non sarebbe più la stessa cosa". Beffardo poi un passaggio sui migranti, detto da chi come guida dell'Unione ha fatto spesso orecchie da mercante: "È scandaloso il fatto che si voltino le spalle all'Italia nel momento in cui le persone arrivano sulle sue coste". "Tutti devono accogliere un minimo di rifugiati, nessuno può fuggire dal
proprio dovere. Nel modo di reagire alla crisi migratoria, riconosco l'Italia virtuosa e appassionata". E sola. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    28 Novembre 2016 - 09:09

    Ah, be', per le simpatie di cui gode Juncker fra gli Italiani, avrebbe fatto un favore a Renzi standosene zitto... Ahahah.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    27 Novembre 2016 - 14:02

    Cari Italiani non svendetevi per trenta denari.

    Report

    Rispondi

media