Cerca

Gli azzurri: "Golpe togato"

Il Csm: "Berlusconi, nostra indipendenza a rischio". Ira del Pdl

Ilda Boccassini

Ilda Boccassini

 

"Contro di me c'è un piano Craxi 2", ha denunciato Silvio Berlusconi in un'intervista a Panorama. Ma l'ex premier non ha intenzione di mollare: "Resisto ai pm". Il Cavaliere è braccato dalla giustizia, ma il Csm tira dritto per la sua strada, facendosi beffe dell'appello di Giorgio Napolitano, che aveva chiesto "equilibrio e rispetto delle parti", lasciando intendere che in un momento politico così delicato non servono "ulteriori tensioni al sistema democratico". Il Consiglio superiore della magistratura si schiera con il pool di Milano, con Ilda Boccassini e a favore delle tanto discusse visite fiscali: "Come componenti del Consiglio vogliamo riaffermare che soltanto al giudice nel processo spettano le decisioni processuali e di merito secondo le norme di legge. A tale princio si sono attenuti i magistrati impegnati nei processi di cui oggi si discute". Così in un documento i laici di centrosinistra e i togati del Csm.

 


"A rischio l'indipendenza" -
Quindi le dichiarazioni di Michele Vietti, vicepresidente del Csm, che spiega come l'organismo "riafferma il proprio ruolo di garante dell'autonomia e dell'indipendenza della magistratura". E ancora, secondo l'organo di autogoverno delle toghe, "le gravi vicende accadute nel Palazzo di giustizia di Milano lunedì scorso (la marcia dei 150 parlamentari del Pdl, ndr) rischiano di porre a rischio l'indipendenza dei giudici nelle decisioni che solo a loro spetta assumere". Nessun dubbio al Csm: tutti al fianco della Boccassini e del pool di Milano nella crociata contro Silvio Berlusconi.

La nota del Pdl - La dura reazione del Pdl è affidata a una nota congiunta firmata dai capigruppo uscenti, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri, che spiegano: "Il tribunale di Milano ha fissato un incredibile calendario di udienze proprio nei giorni in cui si dovrà procedere agli adempimenti costituzionali. Prendiamo dunque atto che, anche alla luce delle affermazioni appena espresse dai togati del Csm, ormai non si tratta più di una questione tra il presidente Berlusconi, i suoi legali e il tribunale di Milano, ma di una contrapposizione, se non una sfida aperta, lanciata da un preciso settore della magistratura, giudicante e inquirente, all'equilibrio politico-istituzionale nel suo complesso".

Le parole di Napolitano - Cicchitto e Gasparri ricordano che "dopo l'incontro avuto ieri al Quirinale, il presidente Napolitano ha emesso una nota ufficiale nella quale ha sottolineato l'estrema importanza e delicatezza degli adempimenti istituzionali che stanno venendo a scadenza che eisgono il contributo di tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento, ed in particolar modo di quelle che hanno ottenuto i maggiori consensi. Lo stesso Capo dello Stato ha affermato nella sua nota di ieri che è comprensibile la preoccupazione dello schieramento che è risultato secondo, a breve distanza dal primo, nelle elezioni del 24 febbraio, di vedere garantito che il suo leader possa partecipare adeguatamente alla complessa fase politico-istituzionale già in pieno svolgimento, che si proietterà fino alla seconda metà del prossimo mese di aprile". Ma a Berlusconi, questa garanzia, il Csm non la vuole concedere.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    17 Marzo 2013 - 21:09

    non vuole presentarsi a Milano, in Tribunale. Ma per caso è davanti ad uno specchio e recita la strega di Biancaneve? Ma siamo seri. Vi rendete conto che figura facciamo all'estero? Hanno ragione a trattarci così, fin quando abbiamo questi magistrati.

    Report

    Rispondi

  • aquila42

    16 Marzo 2013 - 14:02

    Se riuscissimo a levare i paraocchi alla Boccassini, in modo da ridarle una visione a 360°, forse si accorgerebbe anche dei crimini degni di intervento d'ufficio di altri personaggi politici che però appartengono all'area politica che lei sembra prediligere......

    Report

    Rispondi

  • mbotawy'

    14 Marzo 2013 - 22:10

    Il Pdl e' formato da milioni di simpatizzanti e da leaders che sanno il fatto loro.Ora se alcuni giudici vogliono avere la ultima parola, sarebbe bene che siano meno impulsivi, al popolo non si comanda.

    Report

    Rispondi

  • lino1234

    14 Marzo 2013 - 16:04

    Se quanto afferma l'articolo, cioè che il CSM, organo di governo della magistratura, si è allineato con la Boccassini, è vero, significa che il colpo di Stato si è già realizzato. Ora l'ordine dei magistrati controlla la politica ed imprigionerà tutti coloro che non obbediranno alle loro direttive. Aiutoooo!! Saluti. Lino

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog