Cerca

L'ultimo asso del premier

Legge di stabilità, Matteo Renzi: "Pensioni, aumenti di 30-50 a quelle più basse"

Matteo Renzi

A meno di una settimana dal voto Matteo Renzi si gioca l'ultima carta per provare a strappare la vittoria del Sì. Lo fa in un annuncio in una conferenza stampa congiunta con Pier Carlo Padoan in cui ha illustrato la legge di stabilità approvata alla Camera, nella quale ha spiegato che arriveranno aumenti tra i 30 e i 50 euro per le pensioni più basse. "Non siamo riusciti ad arrivare a 80 euro - ha ammesso il premier -. Per la prima volta c'è un aumento per le pensioni fino a mille euro e la possibilità di ricongiunzione delle pensioni anche per i professionisti".

Renzi ha aggiunto che "la manovra è migliorata alla Camera. È ricca di buone notizie e non è all'Achille Lauro. Le tasse continuano ad andare giù, via l'Ires, via l'Irpef agricola, interventi sulle partite Iva con buona pace del presidente Monti. La fase della riduzione delle tasse per il nostro governo è strategica e decisiva", ha precisato. La manovra, ora, approderà in Senato per la seconda lettura a partire da martedì 6 dicembre.

Nella conferenza stampa, il premier ha anche parlato di referendum: "Noi sappiamo che le tensioni e le difficoltà che ci sono sui mercati finanziari sono legate alle incertezze della politica, però abbiamo bisogno di rispondere alle esigenze e alle certezze dei nostri cittadini, dei mercati rionali. Un governo ci sarà sempre - ha aggiunto -. Politico, tecnico, super politico, ipertecnico. Noi faremo di tutto perché l’Italia sia nelle condizioni di poter affrontare le sfide".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patriziabellini

    29 Novembre 2016 - 06:06

    È possibile paragonare Renzi a Schettino? Per le bravate di quest' ultimo sono morte 32 persone e ci sono stati milioni di danni. Per le è bravate dell'altro, l'Italia sta affondando irrimediabilmente: mance di 80, 30, 50 euro che non servono per niente a chi le riceve e danneggiano ulteriormente i conti pubblici. Almeno Schettino era fuggito visto i danni che aveva provocato, questo persevera nella distruzione totale del Paese

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    28 Novembre 2016 - 19:07

    .....ma chi ti crede più ....buffone che non sei altro.......NOOOOOOOO !

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    28 Novembre 2016 - 18:06

    quando lo stato modifica o elargisce ..modifica e elargisce i NOSTRI SOLDI lo stato non ha niente se non siamo noi che paghiamo

    Report

    Rispondi

    • filen

      filen

      28 Novembre 2016 - 19:07

      E avanti con le mancie elettorali

      Report

      Rispondi

  • leolucalabozzet

    28 Novembre 2016 - 18:06

    Purtroppo la maggior parte de giornali anche quelli che erano nati per la difesa dei propri lettori e le Tv, soprattutto Mediaset , la RAI già si sa, gliele passano tutte ma noi semplici cittadini e niente più, non ci faremo ingannare e voteremo convintamente NO!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog