Cerca

Scontro generazionale

Camera, il grillino alla Binetti: "Sono un dipendente del popolo. E lei: "Ah, sei un giornalista"

La scena da teatro dell'assurdo si svolge alla buvette della Camera. Poi arriva un altro deputato che chiarisce l'equivoco

Paola Binetti

Quello che sta per essere inaugurato è il Parlamento delle new-entry, soprattutto per 'merito' dei grillini. I quali stanno creando non pochi scompensi di stupore tra i parlamentari di lungo corso. Stamattina, alla buvette della Camera, la deputata Paola Binetti dell'Udc prova ad approcciare uno dei tanti grillini: "Tu chi sei?", chiede la deputata ad Alessandro di Battista. Al che, il neo-eletto del M5S, risponde, ironico: "Sono un dipendente del popolo". L'ultracattolica deputata centrista non ha però colto la sottile provocazione del grillino e ha ribattuto: "“Ah sei un giornalista...”, equivocando il riferimento del deputato agli elettori con la glosiosa testata della Dc Il Popolo. A quel punto interviene il collega di partito della Binetti, Amedeo Ciccanti che, nel tentativo di chiarire, spiega al grillino: "Il Popolo era una testata giornalistica...". Il grillino, compreso l'equivoco, ribadisce: "Ah, no, io sono un dipendente del popolo italaino".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ValeriaLuzi

    15 Marzo 2013 - 00:12

    Tante stupidaggini tutte di seguito l'una all'altra non le avevo mai lette. GMTubini come ti permetti di insultare Alessandro Di Battista nascosto dietro ad un nickname. Non sei nemmeno degno di pronunciare il suo nome, figuriamoci di scriverlo! Guardati allo specchio e rivolgiti i medesimi insulti che é meglio!

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    14 Marzo 2013 - 20:08

    No caro, tu sei uno che, per dar retta ad un emerito bischero come Grillo e per quattro soldi di stipendio da deputato, non ha esitato a rinunciare al proprio nome e cognome, ovvero alla propria irripetibile individualità. Per fartela breve: sei un povero coglionazzo.

    Report

    Rispondi

blog