Cerca

Le trattative-ombra

Il piano D'Alema per un un governo di larghe intese

L'ex premier intende arrivare a un governo istituzionale sostenuto da Pd, Pdl e centristi 
Massimo D'Alema,

Mentre Pier Luigi Bersani resta intrappolato nei fili della regnatela di un accordo impossibile con Beppe Grillo, scende il campo il grande tessitore Massimo D'Alema che lavora su un'altra sponda. Sta cercando di realizzare un altro progetto: una trattativa che salti i grillini e punti su Pdl e Scelta Civica. Un progetto che si allina con l'idea di Giorgio Napolitano sa sempre scettico sul tentativo di Bersani. In pratica il progetto del presidente del Copasir ed ex premier è quello di candidare alla presidenza della Camera due nomi di area montiana (potrebbero essere Lorenzo Dellai e Renato Balduzzi), D'Alema per il Senato pensa ad Anna Finocchiaro celetta con una maggioranza di Pd-Pdl-Lega e Scelta Civica. 

Monti e Belrusconi Così sarebbe proprio la Finocchiaro, dopo un un eventuale fallimento di Bersani a formare il governo, ad essere chiamata al Quirinale e ricevere l'incarico di formare un governo istituzionale. Il piano non piace a Mario Monti che non avrebbe gradito i contatti informali dei suoi con l'ex premier e che ambisce alla potrona di Palazzo Madama. Nello schema di D'Alema, la casella del Quirinale dovrebbe essere riempita da un candidato del Pd e ricoperta proprio da lui. Silvio Berlusconi, che è ancora ricoverato all'ospedale San Raffaele è stato messo al corrente del piano da Denis verdini: e proprio la prospettiva di un accordo avrebbe spinto il Pdl a cancellare la manifestazione contro le toghe fissata a Roma per il 23 marzo. Ma il progetto di D'Alema si scontra con le mire del Pdl alla poltrona del Quirinale. Berlusconi non ha dato via libera alla canidatura di D'Alema e neanche a quella di Giuliano Amato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dx

    15 Marzo 2013 - 17:05

    è da un po' di anni che punta al quirinale.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    15 Marzo 2013 - 14:02

    Baffino è terrone come me, e come tali sappiamo che, nelle occasioni come "carcere e malattia" si spera nel cuore degli amici. Giusto Massimo? Pensando a Tedesco, uomo della sua terra, procacciatore di voti D'Alemiani, agli arresti, non potrà restare solo allibito, dovrà darsi pure una mossa, noh!!.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    15 Marzo 2013 - 11:11

    camera bersani senato PDL/Lega/Meloni PDC renzi PDR Berlusconi,d'alema a casa

    Report

    Rispondi

  • encol

    15 Marzo 2013 - 11:11

    Ma non era uscito con tanto di grassa busta per il nulla che ha fatto per oltre 30 anni? Ma quando la finirà di rompere? Vuole altri soldi? E' certamente così il veliero che disse d'aver venduto è tutt'ora al suo posto e costa un bel po' anche all'attracco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog