Cerca

Cattivo esempio

Boldrini e Grasso si tagliano la paga
ma Vendola resta con la doppia poltrona

Il leader di Sel disse: "Lascio la Puglia per la Camera". Ma ora fa retromarcia: "Resto a fare il presidente di Regione". E si tiene due poltrone

Nichi Vendola

Nichi Vendola

Pietro Grasso e Laura Boldrini hanno proposto il taglio del 30 per cento delle loro indennità. Inoltre hanno anche previsto una riduzione dello stipendio anche per i dipendenti di Camera e Senato. Un gesto anticasta per far risparmiare qualche euro allo Stato. C'è però chi fa eccezione. Nichi Vendola, lui ama le poltrone. In questo momento siede su due scranni. Quello di governatore della regione Puglia e quello di deputato alla Camera. Nichi dunque di sicuro a fine mese farà bottino pieno. Ma la sua posizone comincia a creare polemiche. Si è sempre schierato contro i doppi incarichi. Ma a quanto pare predica bene ma razzola male. Quando decise di scendere in campo per le primarie del centrosinistra e per l'elezione alla Camera aveva detto: "Dovrò lasciare la presidenza della regione Puglia, e voi sapete che la Puglia è l’amore della mia vita. Cercherò di restare presidente fino all’ultimo secondo utile". 

Come Fini -
Dopo il voto le cose si mettono male. Sel resta con un pugno di mosche in mano. Quel 3 per cento è un macigno che pesa tra i vendoliani, che vedono ridursi il loro potere nella coalizione. A questo punto Nichi prepara la marcia indietro e afferma: "Continueremo fino a fine legislatura a fare del bene a questa terra. Abbiamo bisogno di stare saldamente al timone di questa nave che è la Puglia". Dunque Vendola dopo il voto decide di restare in sella alla regione. E si tiene la doppia poltrona. Peccato che aveva garantito che avrebbe fatto altrimenti. Vendola ricorda un po' Gianfranco Fini, che giurò di dimettersi dalla presidenza della Camera nel caso in cui fosse caduto il governo Berlusconi (senza ovviamente farlo).

Ingrillato -
Passano i giorni ma Nichi continua a frequentare Montecitorio. Anzi è uno dei più attivi negoziatori per la sinistra con i Cinque Stelle (come dice Beppe Grillo, Nichi "si è ingrillato"). Vendola si è spinto fino al punto di proporre un voto favorevole ad un candidato presidente della Camera tra i grillini. Salvo poi imporre la "sua " Laura Boldrini e prendersi lo scranno più alto di Montecitorio. Dopo questa piccola vittoria è giunto il momento di decidere. Nichi manterrà fede alla promessa che ha fatto? Tornerà a governare la Puglia? Intanto lui resta lì tra Roma e Bari. La notte fa il governatore e durante il giorno fa il deputato. Fin quando durerà la pazienza dei pugliesi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maugauros

    20 Marzo 2013 - 18:06

    ... deve pur mantenere, efficiente ed in forma, un bel ragazzotto addetto alle "pulizie"!

    Report

    Rispondi

  • Piodiver

    20 Marzo 2013 - 15:03

    la vera sinistra il vero comunista dona il suo stipendio allo stato: tutti uguali, ingegnere o operaio. quindi il signor Vendola da vero comunista dona il troppo dei suoi stipendi allo stato come si fà a cuba, korea del nord, cina...nei veri stati comunisti, stalinisti. Che si faccia un bel giro in quei paesi e poi veda come si vive da comunista o da sinistra

    Report

    Rispondi

  • nick2

    20 Marzo 2013 - 15:03

    … Vendola ha deciso di rinunciare al seggio di Montecitorio per lasciarlo al primo dei non eletti e di governare la Puglia fino al termine del suo mandato. Sapete benissimo che a giorni lo farà, ma voi ormai lo avete sputtanato…

    Report

    Rispondi

  • carmelo58

    20 Marzo 2013 - 15:03

    predica bene ma razzola malissimo....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog