Cerca

Il pretesto dei titoli di studio

Paola Ferrari dice no al Pdl e sulla laurea dichiara: "Non l'ho mai avuta, del resto non è necessaria per i ministri"

In un'intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica la conduttrice di "Domencia Sportiva" rivela com'era nata l'ipotesi "assessore" prima dello stop da parte di Maroni e le accuse per la mancanza del titolo di studio

Paola Ferrari dice no al Pdl e sulla laurea dichiara: "Non l'ho mai avuta, del resto non è necessaria per i ministri"

Paola Ferrari

Laurea sì, laurea no: sembra che sia l'argomento del giorno, del mese anzi. Nella trappola anche Paola Ferrari, giornalista della "Domencia Sportiva" Rai, che sarebbe dovuta essere tra le nuove leve del Pdl. Lei però, a differenza degli illustri "colleghi", non ha mai mentito: "Tanto per capirci: non l'ho mai avuta, e non l'ho mai nascosto. E neppure ne ho mai comprata una. Del resto non è necessaria neppure per i ministri" rivela la conduttrice in un'intervista rilasciata a La Repubblica. Pare però che sia stato proprio il mancato titolo a darle l'immediato benservito  dalla politica ad opera di Roberto Maroni, presidente della regione Lombardia, che ha bloccato la sua nomina. 

Ma la Ferrari non ci sta: "Nella sua giunta ci sono assessori non laureati: e allora? La storia della laurea è un paravento, la realtà è diversa", e aggiunge con qualche rammarico: "Questa vicenda dimostra una volta di più che purtoppo si va avanti con il vecchio modo di fare politica, legato alla spartizione del potere e a interessi personali. Io sono fuori da questi schemi, quindi rinuncio". L'idea di diventare assessore era nata quasi per caso: da "amici del Pdl" era arrivata la proposta e poi l'incontro con il coordinatore regionale Mantovani. I requisiti richiesti erano semplici: "Una figura nuova, sganciata dalla politica, con tanta voglia di fare e soprattutto una donna". La giornalista era rimasta affascinata dalla sfida e aveva dato la propria disponibilità al progetto. Il momento prescelto però non è stato dei migliori e il problema "laurea" si è rivelato un handicap più grosso del previsto.

Maroni ha imposto il veto, anzi ha dichiarato di non aver mai preso in considerazione l'ipotesi Ferrari, lei ha ritirato il suo appoggio alla giunta e in un attimo una carriera promettente si è rivelata una veloce caduta dall'Olimpo dei potenti. "Mi hanno attaccata da tutte le parti" dichiara la Ferrari senza mandarle troppo a dire: "Mi sono accorta che difficilmente sarei riuscita a fare l'assessore in modo serio. Forse i lombardi pensavano che dopo il risultato delle regionali qualcosa sarebbe cambiato. Non è così e lo dico con dispiacere". Non solo parole di amarezza ma anche una presa di coscienza che denuncia un modo di fare politica antiquato e non troppo corretto. Una donna che, nonostante le critiche, sa quello che vuole. Paola Ferrari resta dunque a condurre "Domenica Sportiva" ma non prima di aver fatto un personale, e forse anche un po' sarcastico, "in bocca al lupo" al presidente della regione: "Faccio i migliori auguri a Maroni e ai suoi assessori. Anche a quelli non laureati". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piserik

    12 Maggio 2013 - 02:02

    Ma, a parte la laurea, avrebbe fatto l'assessore... di che cosa? Le competenze non c'entrano proprio in questa lurida politica? Ah, già, basta l'immagine... questo è il berlusconismo bellezza! Il berlusconismo che ci ha portato al degrado totale.

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    19 Marzo 2013 - 18:06

    10 e lode!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    19 Marzo 2013 - 13:01

    Tra poco non avere la laurea sarà un TITOLO DI MERITO alla faccia di quelli che hanno studiato …

    Report

    Rispondi

  • anco marzio

    19 Marzo 2013 - 08:08

    ma voi veramente pensate che una laurea sia sufficente per qualsiasi cosa? ma vi rendete conto che tutto il fior fiore di politici che ci governano e parliamo pure in campo mondiale ci ha portato a questo stato di cose? crisi a go go poi basta ascoltare quElla grillina tale Rostellato che si accinge a governare il paese assieme ai suoi compari, Bce? Draghi? e chi sono? e questa è LAUREATA stiamo freschi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog