Cerca

Strategia suicida

Dopo le Camere
Bersani prepara
un Quirinale
tinto di rosso

Dopo le Camere
Bersani prepara
un Quirinale
tinto di rosso

di Giordano Tedoldi

Bersani è fondamentalmente un clone di D’Alema, con una connaturata bonomia invece delle asprezze caratteriali. La cifra politica è però la stessa: spregiudicatezza tattica accompagnata da una visione politica di cortissimo respiro. Bersani crede di aver ottenuto un grande successo attirando il consenso grillino su Boldrini alla presidenza della Camera e Grasso a quella del Senato e, non avendo fantasia né coraggio per cambiare schema, tenterà la stessa operazione per il Quirinale. Bersani non si preoccupa degli scenari futuri, pensa a conquistare quante più posizioni possibili con le forze che ha e, poiché la maggioranza di governo resta un obiettivo fuori portata, intanto si dedica a occupare le principali cariche istituzionali. Come un esercito che badi a attestarsi su un terreno favorevole prima della battaglia campale. Ma come gli è andata male contro il giaguaro, Bersani potrebbe essere respinto ancora con perdite. Intendiamoci, quando Grillo parlava del parlamento come una scatola di tonno doveva riferirsi al suo Movimento 5 Stelle, che in effetti si taglia (o si spacca) con un grissino, o con il grillino, sempre pronto a votare il candidato di Bersani, immancabilmente scelto nel vasto cimitero dei sepolcri imbiancati.

 Quindi nulla di più facile che, di nuovo, Bersani alletti il labile movimento di Grillo con la candidatura quirinalizia di un professor Stefano Rodotà, o del costituzionalista Gustavo Zagrebelsky, mentre pare tramontata, per indisponibilità dell’interessato, quella di Dario Fo. Nomi che la base grillina, con buona pace dei controlli ipnotici e mitologici di Casaleggio e di quelli più sanguigni dello stesso Beppe Grillo, potrebbe senz’altro votare. Inutile dire che la tattica di Bersani, come rivela lo sprezzo con cui ha rimandato al mittente la proposta di Alfano su un nome concordato col Pdl per il Colle, mira all’eliminazione dei moderati. Ma si può votare un presidente della Repubblica anch’esso espressione del mero opportunistico legame tra Pd e grillini dissidenti? Le presidenze delle Camere sono cariche prestigiose ma relativamente ininfluenti, il Quirinale è il crocevia della politica italiana perlomeno dal settennato di Sandro Pertini.

Come se la caverebbe sul Colle Stefano Rodotà, sostenuto dagli intellettuali del Pd? Tutto può accadere, ma qualcuno ricorda alcunché di sostanziale venire da questo professore di diritto civile dall’eloquio insopportabilmente flemmatico, la cui carriera è stata una collezione di incarichi di dubbia efficacia operativa, ma certo ben remunerati (a proposito di costi della politica, cari grillini…) quali l’Authority garante per la protezione dei dati personali, cioè quella privacy ampiamente massacrata nel Paese più intercettato e selvaggiamente indiscreto del mondo? E il presidente emerito della Consulta, Zagrebelsky? Un boccone digeribile per i grillini, anche se ha dichiarato che “la democrazia dei 5 Stelle è inganno”. Ma questo è inevitabile, con lui: egli solo sa cos’è democrazia genuina, e lo spiega alle plebi dalle pagine di Repubblica o in quelle adunate di potenti che amano gli umili, tra i suoi confratelli milionari di Giustizia e Libertà. Ma il Quirinale può andare a un amareggiato professore col vizietto del giudizio giacobino? Alle elezioni, il domatore di giaguari si è beccato qualche unghiata, ora, piazzando un burocrate dei diritti civili di sua obbedienza al Quirinale, rischia di sfasciare la concordia richiamata da Grasso nel suo discorso d’insediamento al Senato, e di lanciare un settennato che, altro che impresentabile, sarebbe immondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberopensatore1950

    19 Marzo 2013 - 18:06

    Qaundo il dolore per certe patologie si fa insopportabile, s'invoca la morte per non soffrire più. In questo caso, siccome la miseria sta dilagando, l'economia è polverizzata, la soluzione prospettata, spianando tutto, non solo impedirebbe a dei poveri sognatori d'altri mondi, puntino clandestinamente alle nostre coste, ma distruggendo ogni speranza, agevolando i tedeschi monti..., e la dispotica supremazia del potere del denaro, smetteremmo finalmente di sperare di riemergere e vincerebbe solo il più forte. Naturalemente tutti coloro che saranno vicini o ruffiani del potere.

    Report

    Rispondi

  • bungabungaband

    19 Marzo 2013 - 18:06

    no dire fesserie e non offendere l'intelligenza di chi ti legge non ti ha mai sfiorato l'idea di votare m5s,troppo distinti e distanti dal tuo cav.Grillo vuol portare la legalità in parlamento il Nano la sfugge,nel'm5s nessun candidato oltre le 2 legislature il tuo idolo è alla sesta,i grillini sono contro i benefit della casta e solo ieri uno della tua parte politica si lamentava x il taglio della tessera calcistica gratis,uno e contro gli aiuti di stato(grillo) l'altro(berlu) usufruisce degli aiuti di stato(frequenze praticamente gratis),il Nano è x investire nelle grandi opere(Tav e ponte) l'altro e x investire sulle persone reddito di cittadinanza aiuti alle piccole e medie imprese,uno è un palazzinaro l'altro e per ristrutturare le abitazione gia esistenti e non utilizzate.....queste sono alcune differenze insanabili tra voi e noi quindi delle 2 l'una o sei molto confusa o sei una ballista non tanto credibile

    Report

    Rispondi

  • vecchiodeluso

    19 Marzo 2013 - 18:06

    come il gatto col lardo finira culatello, a meno che non riesca a COMPRARE transfughi, ovviamente in questo caso sarebbero considerati PENTITI e non VENDUTI o TRADITORI come considerati altri di recente memoria.

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    19 Marzo 2013 - 17:05

    Biancofiore: "Bersani premier e Berlusconi Presidente dell Repubblica". Ahahahahah

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog