Cerca

Segretario all'ultima spiaggia

Bersani: vaffa a Grillo
E apre a Berlusconi

Bersani: vaffa a Grillo
E apre a Berlusconi

A un mese esatto dalle elezioni, Pier luigi Bersani ha osato oggi, al termine della sconda giornata di consultazioni per la formazione del governo, muovere la prima, timida, critica a Beppe Grillo e al Movimento 5 stelle. uscito dalla sala dove aveva appena finito di incontrare le categorie produttive, il segretario del Pd ha ammonito il blogger e comico genovese: "Non creda di avere il monopolio del cambiamento". E ancora: "A distruggere ogni segno di cambiamento non si sa dove si arriva" ha aggiunto, intendendo per "segnale di cambiamento" l'interminabile corte che lui e una parte del Pd hanno rivolto ai grillini nelle ultime quattro settimane.

Poi, dai giornalisti, gli è arrivata l'inevitabile domanda, a meno di 48 ore dall'apertura delle consultazioni con le forze politiche: "Cosa intendete fare col Pdl?". Risposta: "La mia proposta è rivolta a tutto il Parlamento. Il nostro è uno schema che rende possibile a tutte le forze politiche diaderire tutte o in parte. Ogni forza può vedere del buono nella nostra proposta e ogni forza dovrà assumersi le sue responsabilità". Il tempo stringe, il segretario Pd sente il terreno franargli sotto i piedi, al pari di una parte del suo stesso partito, che lo considera un "morto che cammina". Pressioni da ogni dove (Napolitano, Confindustria) gli arrivano per un'intesa con le forze responsabili del Paese. Se quello pronunciato oggi non è un "vaffa" a Grillo e un apertura a Berlusconi, poco ci manca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    26 Marzo 2013 - 10:10

    Burlesque, invece!!! Lui no, Lui lo fa per spirito Decubertiniano; mavaffanmulo!!!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    25 Marzo 2013 - 10:10

    il giaguaro ti ha smacchiato, ci vediamo alle urne l'ultima settimana di giugno...

    Report

    Rispondi

  • encol

    25 Marzo 2013 - 09:09

    Mai con un simile paranoico ossessionato da palazzo Chigi. Questo è anche peggio del Monti in una situazione gravissima perde tempo nel cercare ciò che non c'è. Lo capisce un bambino ma certo non lo può capire un che smacchia giaguari o batte le palle, o pettina bambole e altre scemenze del suo repertorio lessicale.

    Report

    Rispondi

  • Google

    25 Marzo 2013 - 08:08

    Bersani lo sa bene, meglio andare a votare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog