Cerca

Pessimismo in largo del Nazareno

Pd, un piano se Bersani fallisce: governissimo a poi tempo poi Renzi

Ultime 48 ore di consultazioni farsa per il segretario. Il partito guarda già al dopo: intesa "light" con Pdl e Monti poi...

Pd, un piano se Bersani fallisce: governissimo a poi tempo poi Renzi

Ancora 48 ore e poi si conoscerà il destino di Pierluigi Bersani e del suo eventuale governo. Giovedì il segretario del Pd salirà al Quirinale ma, come ha detto lui stesso, "servirà un miracolo" per far quadrare i conti. E l'impressione è che la pazienza sia finita. Di tutti: innanzitutto, del presidente Giorgio Napolitano, che affidandogli il pre-incarico venerdì scorso aveva chiesto "tempi celeri" e "numeri sicuri in Parlamento". Non ci sarà nulla di tutto questo: le consultazioni di Bersani dureranno sei giorni e hanno visto sfilare anche parti in causa irrituali come Don Ciotti e Roberto Saviano. Nomi buoni per attiarare le simpatie di qualche grillino, forse, oppure già armi da utilizzare in un eventuale ritorno alle urne immediato. I numeri, proprio per questo, non ci saranno. Anche perché Bersani continua con la linea durissima contro il Pdl: "Alfano mio vicepremier? Non scherziamo...".

Governissimo a tempo - Il problema di Bersani è che la pazienza sta finendo anche a Largo del Nazareno. Il Partito democratico, che non pone grande fiducia nel tentativo disperato del segretario, sta già guardando oltre. Secondo Maria Teresa Meli sul Corriere della Sera i dem, non solo i renziani, avrebbero in serbo un Piano B, senza Bersani. Un governissimo light, leggero, non troppo caratterizzato politicamente, in grado di raccogliere i voti di Pdl e Scelta civica, a durata limitata (8 o 9 mesi, non di più) e a programma ben delimitato: riforma elettorale, finanziamento pubblico ai partiti, riduzione progressiva dell'Imu, legge di stabilità.

La road map per Renzi - Un'agenda impegnativa, sì, ma visti i tempi quasi minimale. Di fatto, sarebbe un governo del Presidente. Anche se Napolitano potrebbe seguirlo solo per un brevissimo tempo. E qui si aprirebbe la questione Quirinale, già caldissima e materia di scambio (sia pur negata) tra Pd e Pdl. In attesa di trovare il fatidico nome giusto per il Colle, i centristi del Pd lavorano per questo piano B (Franceschini, Enrico Letta e Fioroni i più attivi) e si prepara il terreno al cambio della guardia: votare ad autunno significherebbe trovare il tempo per le primarie, con la candidatura obbligata e fortissima di Matteo Renzi. Con lui candidato premier, potrebbe cambiare lo scenario non solo a sinistra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • C_Peter66

    27 Marzo 2013 - 08:08

    Ma che governissimo d'egitto! L'ultimo governissimo ha avuto come risultato un governo fatto di rimbabiti incopetenti nonchè di infami ! Andiamo a votare al piu presto....CIPRO E' VICINA !!!

    Report

    Rispondi

  • mamaris

    26 Marzo 2013 - 23:11

    Caro Gargamella nel tuo partito c'è che è passato alla storia come MORTADELLA, tu passerai alla storia come SALAME... Ancora non hai capito che ti devi dimettere?????

    Report

    Rispondi

  • mamaris

    26 Marzo 2013 - 23:11

    Nel tuo partito c'è chi è passato alla storia come MORTADELLA

    Report

    Rispondi

  • vecchiodeluso

    26 Marzo 2013 - 15:03

    prima si rassegna a fare un passo verso una caverna meglio sarà per tutti, specialmente per i suoi compagni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog