Cerca

Ultima chiamata

Alfano e Maroni avvisano Bersani:
"Senza di noi salta tutto"

Angelino Alfano

Angelino Alfano

"Non daremo la fiducia al governo Bersani se ci dovesse essere una chiusura verso di noi". Così il segretario del Pdl Angelino Alfano commenta l'esito dell'incontro per le consultazioni con Pier Luigi Bersani. Alfano ha paRlato chiaramente invitando Bersani ad assumere un atteggiamento responsabile. E mette in guardia il segretario del Pd: "Noi non abbiamo posto preclusioni su nessuno ma considereremmo incomprensibile un atteggiamento di chiusura da parte di chi ha vinto solo con uno scarto dello 0,3% di voti e se cosi' fosse mancherebbe in assoluto e in ogni forma il nostro sostegno alla nascita del governo Bersani". Alfano ha anche precisato che l'incontro con Bersani è stato cordiale e con toni proipositivi: "Incontro breve, affrontato con spirito costruttivo e che ha avuto come linea di marcia il bene del paese perche' solo a quello noi puntiamo, e' la nostra esclusiva bussola". 

Con la Lega uniti - Con la delagzione del Pdl era presente anche Roberto Maroni, segretario della Lega Nord. Sulle voci che erano circolate nei giorni scorsi su un probabile appoggio della Lega a Bersani, il segretario tira dritto e sottolinea l'unità della coalizione: "
Condivido la posizione del Pdl, auspichiamo un governo a guida politica, basta con i tecnici, serve un esecutivo di legislatura. Agiremo come una coalizione".

I montiani chiedono il governissimo - Anche Scelta Civica chiede a Bersani un governo di grande coalizone. Andrea Olivero di Scelta Civica non ha dubbi ed è chiaro dopo il colloquio con il segretario del Pd: "Abbiamo chiesto al presidente Bersani un’ulteriore sforzo che indichi la volontà di un maggiore coinvolgimento di tutte le forze politiche che possono contribuire a   dare avvio alla legislatura. Abbiamo esposto a Bersani quella che è la linea di Scelta Civica: la nostra ferma determinazione a fare ogni sforzo perchè sia assicurato un governo al Paese". Insomma ora Bersani deve scegliere cosa fare. Alfano prima di andare via ha affermato: "Bersani ha ancora 48 ore per pensare alle sue mosse, ci auguriamo che siano scelte responsabili. Le posizioni restano molto distanti e se così resteranno ribadiremo che l'unica strada è tornare al voto".Ora il segretario del Pd ha l'ultima chiamata. Se dovesse fallire si apre il baratro per il nuovo voto. E Silvio nei sondaggi è già davanti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angeli1951

    27 Marzo 2013 - 10:10

    E' sempre quello che ieri, con determinazione inflessibile, dichiarava mai un governo con la sinistra? E il pagliaccio sarebbe Grillo?

    Report

    Rispondi

  • foreigner019

    27 Marzo 2013 - 08:08

    A tutti quelli che invece di esprimere commenti intelligenti per un pubblico scambio di opinioni, si esprimono solo con offese e dileggi facendo notare solo la loro ignoranza (ignorante = persona che ignora) Anche se siete dietro all'anonimato con le vostre offese gratuite fate solo vedere che siete degli ignoranti frustrati che non essendo in grado di esprimere concetti intelligenti usate l'arroganza e le offese per chi non la pensa come voi. Ma chi vi credete di essere, pensate di conoscere il verbo della verità? siete solo sciocchi provocatori che non dovreste nemmeno venire a rompere in questo sito. Il vostro sito ufficiale dovrebbe essere quello di Repubblica, che tra l'altro è anche fatto e gestito bene ma probabilmente non così democratico da lasciare passare i commenti troppo stupidi.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    27 Marzo 2013 - 07:07

    Almeno ci leviamo dalle palle Ber-Sani,e quei due elementi che hanno eletto allo scranno più alto.Grillini compresi.

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    27 Marzo 2013 - 00:12

    Il tuo post ti è stato imposto dagli scemi che ti hanno fregato i 10 grammi di cervello guasto che ti rimangono! Diversamente stronzo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog