Cerca

Appunto

Il tema delle troie travolge Battiato

Un cantante non è un politico: qualcuno glielo spieghi dopo le deliranti affermazioni sulle donne in Parlamento. E lui ci faccia un favore: lasci

Filippo Facci visto da Benny

 

di Filippo Facci

Le litanìe dei mongoli, le traiettorie proto-cellulari, le caccole degli assiro-babilonesi: in altre parole sto delirando, oppure no, mi credo un artista, mi credo Franco Battiato alle prese con una delle sue canzoni più comprensibili. Nel qual caso dovreste spararmi: perché un giornalista non è un artista così come un artista non è un politico, regola generica che dovreste spiegare a Battiato dopo quanto è successo ieri. Il nostro, da assessore siciliano al Turismo, è intervenuto al Parlamento europeo e ha detto (rullo di batteria) che «queste troie qui, che si trovano in giro nel Parlamento, farebbero qualsiasi cosa». Più tardi ha aggiunto che «a Milano ha vinto Ambrosoli, la provincia è ancora ignorante». Notare che l’aver sputtanato il Parlamento italiano è l’atto più rimarchevole da lui compiuto come assessore, visto che l’artista ha già ricevuto mozioni di sfiducia per assenteismo (è in tournée sino ad aprile) col risultato che la Sicilia è risultata assente in tutte le borse e fiere turistiche internazionali: Milano, Berlino, Mosca e Goteborg, mentre a Bruxelles in compenso lui c’è andato: a dire che il Parlamento pullula di troie. Ora: sappiamo che il tema l’appassiona («i desideri mitici di prostitute libiche», soprattutto la celeberrima «Gli uccelli») però ora il vecchio Battiato dovrebbe farci un favore, con traiettoria impercettibile: dimettersi.   

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enricoti

    29 Marzo 2013 - 08:08

    è lapalissiano che ha ragione, però...quale cantante?

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    28 Marzo 2013 - 11:11

    fate boi berluscotti tutti così scandalizzati per una palese verità detta però non da voi mentre tutti così feroci quando si trattava di affrmare la nipote la mubarack. Niente da dire se non che fate pena, schifo e compassione: ovvero siete berlusconiani... brutta gente. VIVA BATTIATO !!!

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    27 Marzo 2013 - 23:11

    Piena solidarietà a Battiato. Troie (donne e uomini) in Parlamento ce ne erano e ce ne sono anche nell'attuale, solo che è necessario non dirlo.

    Report

    Rispondi

  • unarosa?unarosa

    27 Marzo 2013 - 18:06

    Bravo,Ezechiele,così si ragiona: Battiato ha ragione a prescindere.Complimenti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog