Cerca

Il retroscena

La ridicola offerta
di Bersani al Cav

Pier Luigi Bersani

Pier Luigi Bersani

 

di Franco Bechis

L’unica novità arrivata da Pier Luigi Bersani ieri nell’incontro con il Pdl è stato il primo tardivo segno di rispetto della volontà e del mandato che gli era stato affidato per l’esplorazione da Giorgio Napolitano. Dopo avere detto più volte in pubblico e nelle riunioni del suo partito di avere tutte le intenzioni di lasciare a terra Silvio Berlusconi, ieri pomeriggio è arrivata l’offerta ufficiale di salire a bordo. Non sul treno passeggeri, che sul primo binario porta diretto a palazzo Chigi per formare il nuovo governo. No, l’offerta riguarda il treno merci che passerà sul secondo binario, quello delle fumose riforme istituzionali. La merce vera però non è quella che si trova sul treno, ma quella che dovrebbe portarsi a bordo Berlusconi: un via libera umma-umma e furbesco all’esecutivo di minoranza Bersani. (...)

Quello che ha proposto al Pdl Pier Luigi Bersani nelle consultazioni di martedì ce lo rivela il vicedirettore di Libero, Franco Bechis, sul quotidiano in edicola mercoledì 27 marzo. Il leader del Pd si crede il miglior leader possibile, e finirà per schiantarsi. L'offerta del premier in pectore a Silvio Berlusconi, infatti, è risibile. Ridicola. Al Cav non vuole concedere alcun ingresso nel governo, e chiede la desistenza al momento del voto di fiducia in Senato in cambio della sola partecipazione ad alcune riforme. Si tratta di una trappola. Bersani vuole usare Berlusconi come un utile idiota. Ma il Cav non ci cadrà: meglio abbandonare i democratici al loro destino. Oggi ci sarà il "vaffa" definitivo dei grillini a Bersani, un muro che si alzerà in diretta streaming. Ieri la Capogruppo alla Cmera Roberta Lombardi ha detto: "Se Bersani si butta ai nostri piedi, decide di farsi da parte e dice che il Pd è d'accordo sui nostri 20 punti allora ci siamo". Un paradosso perchè Bersani non ha nessuna intenzione di inchiarsi ai grillini. 

Leggi l'approfondimento di Franco Bechis su Libero di mercoledì 27 marzo 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nikilt

    28 Marzo 2013 - 15:03

    La sinistra arrogante sa' proporre come suoi leader solo mezze tacche,nani politici che si credono statisti illuminati....se in 20 anni nessuno dei suoi esponenti e' riuscito a mettere nell'ombra berlusconi ci sara' un motivo?.

    Report

    Rispondi

  • nikilt

    28 Marzo 2013 - 14:02

    La sinistra arrogante sa' proporre come suoi leader solo mezze tacche,nani politici che si credono statisti illuminati....se in 20 anni nessuno dei suoi esponenti e' riuscito a mettere nell'ombra berlusconi ci sara' un motivo?.

    Report

    Rispondi

  • SGis

    27 Marzo 2013 - 15:03

    Nel vedere lo streming di Bersani con M5S si ha l'impressione di vedere lo spasimante che implora l'amata (M%S) che lo DISPREZZA e che è disposto(a parole) a cambiare e concedergli tutto...ANCHE LE MUTANDE. Come diceva Fede..."CHE FIGURA DI MERDA". Non bastavano, Terzi, Monti, Marò etc. ora si che facciamo parte della spazzatura mondiale per colpa di questi Pigs

    Report

    Rispondi

  • alequaglio

    27 Marzo 2013 - 11:11

    Lo so che è difficile accettare che chi ha vinto anche se di poco le elezioni voglia provare a governare.E' scontato e naturale che sia così.Se il pdl avesse preso i voti che ha preso il pd avrebbe fatto lo stesso. Ma a riprovare con le larghe intese si capisce che sarebbe un suicidio politico per il pd ed un regalo eccezionale per il m5s. Con Monti il pdl ha avuto un regalo grande se si fosse votato prima avrebbe preso neanche il 20%.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog